spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Presunta violenza sessuale di gruppo a Impruneta: spunta una scritta alla Barazzina

    "Boicotta chi stupra": è apparso questo nella mattinata di oggi, domenica 7 agosto. Ricordiamo che le indagini sono ancora in corso e che i 4 indagati non sono stati sottoposti a misure cautelari

    IMPRUNETA – Risveglio pieno di tensione quello di stamani, domenica 7 agosto, a Impruneta.

    Che da giorni vive una situazione difficile, in seguito alla notizia dei quattro indagati per una (al momento) presunta violenza sessuale di gruppo nei confronti di una turista 35enne.

    “Boicotta chi stupra”: questa la scritta comparsa sui muri della Barazzina, i giardini nel centro del capoluogo (su un muro appena restaurato).

    Rivolta evidentemente al locale nel quale si sarebbe consumata la violenza sessuale, nella notte fra venerdì 29 e sabato 30 luglio.

    Scritta che è apparsa, peraltro, alla vigilia della manifestazione che si svolgerà domani, lunedì 8 agosto, in piazza Buondelmonti.

    Per manifestare la distanza degli imprunetini dalla vicenda e, soprattutto, la vicinanza nei confronti della donna.

    # Presunta violenza sessuale a Impruneta: lunedì 8 agosto manifestazione in piazza

    Ricordiamo comunque, come correttezza impone, alcuni passaggi.

    Siamo nella fase delle indagini, non ci sono ancora provvedimenti di alcun tipo nei confronti di nessuno. Così come non sono state emesse misure cautelari nei confronti dei quattro indagati.

    Proprio per questo, dal momento che nessuna misura è stata presa nei confronti di chi sarebbe indiziato della violenza, né nei confronti del locale nel quale si sarebbe consumata, non è stato mai fatto il nome del locale stesso.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...