spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Non sarebbe possibile cambiare insieme al Partito democratico”

    "Volevo ricordare ai cittadini che Rifondazione comunista di Impruneta ha lavorato alla costruzione di  una coalizione con questi soggetti politici, Sel, IdV, Lista Pesci – al fine di creare le condizioni di una maggioranza alternativa al Partito democratico".

     

    A dirlo è Riccardo Seghezzi, rappresentante di Rifondazione comunista – Federazione della Sinistra (FdS), che è rimasta fuori dalla nascente coalizione di centrosinistra: "Il Pd imprunetino – prosegue Seghezzi – ha governato l’amministrazione comunale in perfetta solitudine senza confrontarsi mai con i cittadini e le varie realtà politiche del paese. Le scelte amministrative che hanno prodotto i risultati che abbiamo  più volte denunciato da anni, per noi restano ancora un buon motivo per proporre con coerenza un’ alternativa, un cambiare si può ma non con il Pd".

     

    "Un Pd – rimarca – che non ha dato segni di discontinuità politica, ma soltanto la necessità di garantirsi ancora per i prossimi anni una maggioranza sicura in consiglio comunale di Impruneta".

     

    "Naturalmente – conclude – continueremo a seguire l’evoluzione delle primarie a cui noi come Rifondazione Comunista non parteciperemo e speriamo di poter apprezzare delle differenze nei contenuti tra i partecipanti alle primarie per poter continuare un dialogo politico iniziato tre anni fa
    e che avremmo voluto fosse una svolta decisiva".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...