spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Punto Insieme a Impruneta: nuovi orari e sedi dello sportello dedicato alla non autosufficienza

    Chi può rivolgersi, perché rivolgersi, cosa fa questo sportello dedicato ai bisogni di persone, famiglie, fragilità

    IMPRUNETA – Lo sportello Punto Insieme, dedicato alla non autosufficienza ha nuovi orari e sedi di apertura a Impruneta.

    Ovvero, a Tavarnuzze. in via F.lli Rosselli 6 – primo piano, presso la saletta informativa della sede comunale, tutti i martedì, 15-17.30 e tutti i venerdì, 8.30-11.

    A Impruneta capoluogo, in piazza Buondelmonti 41, presso i locali Urp al piano terra del palazzo comunale il secondo e il quarto mercoledì del mese, 9-11.30.

    L’accesso al servizio è solo su appuntamento, chiamando il numero 3534216109.

    Gli utenti devono essere muniti di mascherina, non presentare sintomi influenzali e sottoporsi alla misurazione della febbre prima dell’accesso, in ottemperanza del protocollo Covid.

    Chi può rivolgersi al Punto Insieme

    La persona anziana non autosufficiente o i suoi familiari, dopo averne parlato con il medico curante. Ma può farlo anche un conoscente o un operatore del volontariato.

    Perché rivolgersi al Punto Insieme

    Per segnalare un bisogno rilevante di assistenza di una persona considerata non autosufficiente, anziana e non.

    Cosa fa il Punto Insieme

    Definisce un progetto personalizzato, ovvero il pacchetto di prestazioni ed interventi più appropriati alle condizioni di bisogno della persona, tenendo conto delle condizioni fisiche, cognitive e comportamentali della persona non autosufficiente, ma anche della situazione familiare, sociale e ambientale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...