spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il CDC risponde alla nuova coordinatrice del M5S: “Sul Birillo lavoriamo da tempo”

    "E' necessaria una puntualizzazione visto l'attacco continuo al Coraggio di Cambiare e al suo lavoro in coalizione"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Arriva "appuntita" la risposta de Il Coraggio di Cambiare (CDC) alla stilettata della nuovo coordinatrice del MoVimento 5 Stelle di Impruneta, Flavia Maurri, relativa alla posizione del CDC sul Birillo di Tavarnuzze.

     

    "Le ultime informazioni alle quali sono potuta risalire – aveva detto Maurri – parlano di un bando, per adibire la struttura ad uso commerciale. Chissà cosa ne penserà il Coraggio di Cambiare di questo bando, dato che si è sempre detto contrario, in passato, alla riapertura di un nuovo bar".

     

    "E' sempre inusuale – replica il CDC – dover utilizzare i social per comunicare, superando quelli che sono i canali ufficiali. D'altro canto riteniamo sia necessario una puntualizzazione visto l'attacco continuo al Coraggio di Cambiare che lavora all'interno della coalizione Impruneta Comune Aperto".

     

    "La convinzione dell'opposizione – rimarcano – è che non venga mai fatto niente di quanto avevamo programmato, in realtà stiamo già lavorando da tempo secondo i nostri intenti per restituire l'ex stazione di Tavarnuzze, il famoso Birillo, come punto di riferimento per il paese".

     

    "Auguriamo alla nuova coordinatrice del M5S, Flavia Maurri – concludomo – un buon lavoro per imparare le questioni del territorio con l'entusiasmo di chi arriva per la prima volta nel mondo politico".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...