spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 17 dicembre intitolazione della biblioteca comunale di Impruneta a Marianna Maltoni

    La dedica alla maestra della scuola di San Gersolè avverrà con l'apposizione di una targa commemorativa in cotto all'esterno dell'edificio

    IMPRUNETA – Sabato 17 dicembre alle 16 ci sarà un momento molto importante per tutta la comunità imprunetina: ovvero, la cerimonia di intitolazione alla maestra Maria Maltoni della biblioteca comunale di piazza Buondelmonti.

    La cerimonia si sostanzierà nell’apposizione di una targa commemorativa in cotto all’esterno dell’edificio, ufficializzando così la decisione della giunta comunale, presa con delibera n. 109 del 04/10/2022 a cui è seguito l’iter in Prefettura.

    L’intitolazione della biblioteca comunale alla pedagogista che dal 1920 al 1956 ha insegnato alla scuola elementare di San Gersolè, Marianna Maltoni, conosciuta come Maria, segue al conferimento della cittadinanza onoraria del Comune di Impruneta nel 1956.

    Viene ricordata per “l’originale e innovativa metodologia didattica da lei ideata, attraverso la quale incoraggiava gli alunni della piccola scuola della frazione a descrivere in modo spontaneo la realtà che li circondava, offrendo così un quadro vivo e puntuale della cultura mezzadrile toscana che di lì a poco verrà spazzato via dalla modernità e dal boom economico”.

    La sua attività è documentata dal Fondo custodito proprio dalla biblioteca comunale: più di 1.600 quaderni, circa 2.400 disegni e 600 giornali di classe, oltre agli scritti della maestra, disponibili a studiosi e curiosi per la consultazione, su appuntamento.

    Le motivazioni ufficiali dell’intitolazione, oltre a sottolineare come Marianna Maltoni si sia distinta, quale insegnate, per le sue doti nella valorizzazione del nostro territorio, precisano che la scelta dell’amministrazione comunale di intitolarle la biblioteca comunale “deriva dalla consapevolezza che il ricordarne la complessa figura di insegnante possa contribuire a creare nelle giovani generazioni sentimenti di maggiore attenzione verso la propria identità e la propria storia.”

    “Aspetto tutta la comunità e le autorità che vorranno partecipare – dichiara l’assessora alla biblioteca Sabrina Merenda – per questa giornata importantissima, che collega con un filo ideale la cultura e l’istruzione, che pone la nostra Impruneta a un livello nazionale, grazie a questa figura che ci ha lasciato il suo fondo documentale e così la sua memoria, favorendo la creazione di una rete di legami con gli studiosi della sua attività di pedagogista”.

    “Scopriremo la targa donata all’amministrazione – prosegue – e continueremo illustrando il viaggio che intendiamo portare avanti nel corso del prossimo anno. Speriamo di riabbracciare i suoi ex alunni per ricostruire un percorso: chiedo aiuto a tutti coloro che magari possono comunicare e dire di partecipare e parlare durante la presentazione in biblioteca. Lo scopo è formare una rete attiva”.

    “Ringrazio anche – tiene a dire Merenda – i due fratelli Pinzauti (ex allievi della Maltoni) per proporre un testo che coniuga il contesto di allora con questa figura   e ringrazio chiunque partecipi e voglia aiutarmi, perché il concetto di una Comunità in movimento verso una sorgente come la biblioteca e un patto della lettura che ha coinvolto tutto il territorio risulta fondamentale ”.

    Programma della giornata del 17 dicembre

    Ore 16: cerimonia di Intitolazione della biblioteca comunale di Impruneta a Marianna Maltoni con apposizione della targa realizzata e donata da Luigi Mariani dell’Antica Fornace Mariani M.I.T.A.L. Impruneta.

    Saluto del sindaco Alessio Calamandrei, intervento dell’assessore Sabrina Merenda e altre autorità.

    Accensione dell’albero di Natale della biblioteca, al quale verranno appesi i pensieri degli utenti.

    Ore 16.30: saluti di Natale da parte dell’associazione culturale “Ferdinando Paolieri”

    Ore 17: introduzione storica dell’assessore Sabrina Merenda, “L’istruzione del secolo ‘900”, alla presentazione del testo “I Pinzauti” da parte di due alunni di M. Maltoni, Mauro e Piero Pinzauti, che parleranno del contesto agro-rurale del periodo storico corrispondente.
    Conclusione dell’assessore Merenda.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...