spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio Civile: il Comune di Impruneta cerca 2 giovani (18-28 anni) per supporto a persone fragili

    Come per il bando di un posto per il servizio civile in biblioteca, la scadenza per la presentazione domande è il 15 febbraio 2021 alle ore 14

    IMPRUNETA – Per il progetto del servizio civile universale “LA PERSONA AL CENTRO – Servizi e reti per il supporto alle persone fragili”, il Comune di Impruneta cerca due giovani da impiegare nel settore assistenza, presso gli uffici dei Servizi sociali per un impegno di 12 mesi e 25 ore a settimana di presenza.

    Possono presentare domanda tutti i ragazzi e le ragazze che abbiano già compiuto 18 anni e non ancora superato i 28 (28 anni e 364 giorni). I volontari percepiranno un assegno mensile di 439,50 euro.

    Per partecipare, i candidati devono fare domanda online, accessibile tramite Spid.

    Gli aspiranti operatori volontari dovranno produrre domanda di partecipazione indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto esclusivamente attraverso la piattaforma DOL raggiungibile tramite  PC, tablet e smartphone  all’indirizzo domandaonline.serviziocivile.it.

    Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda sulla piattaforma DOL occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema. 

    I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero e i cittadini di Paesi extra Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

    Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede.

    Per la Domanda On-Line di Servizio civile occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2. I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, se non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

    Sui siti web del Dipartimento  https://www.politichegiovanilieserviziocivile.gov.it/  e https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/  è disponibile la  Guida per la compilazione e la presentazione della Domanda On Line con la piattaforma DOL.

    Il giorno successivo alla presentazione della domanda il Sistema di protocollo del Dipartimento invia al candidato, tramite posta elettronica, la ricevuta di attestazione della presentazione con il numero di protocollo e la data e l’orario di presentazione della domanda stessa.

    Si ricorda che è possibile presentare una sola domanda per un unico progetto di servizio civile universale.

    La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti.

    I calendari dei colloqui saranno pubblicati esclusivamente online su una pagina dedicata, alla chiusura del bando e dopo la elaborazione delle domande, e sui siti istituzionali dei Comuni sede di attuazione dei progetti.

    Informazioni sul Bando alla mail serviziocivile@ancitoscana.it o al seguente link
    ancitoscana.it/servizio-civile/servizio-civile-universale/programma-1.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...