spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incredibile tentativo nella notte fra il 27 e 28 settembre: danni alla struttura

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Un boato, che ha svegliato Tavarnuzze attorno alle 4 nella notte fra venerdì 27 e sabato 28 settembre. Nessuno avrebbe certo pensato che si trattava del bancomat della sede tavarnuzzina della Bcc di Impruneta, nel cuore del paese, fatto saltare per aria dai ladri.

     

    Stavolta infatti la "spaccata" non è stata di quelle "tradizionali", con un'auto lanciata verso la vetrina, ma è stato utilizzato il gas. Inserito in una fessura ricavata nel blocco bancomat, poi fatto deflagrare con l'obbiettivo di far esplodere (e quindi aprire) la cassaforte.

     

    Tentativo però vano, visto che la cassaforte ha retto all'urto: pare quindi che i ladri, anche se i vertici della Bcc imprunetina sul posto fin dall'alba stanno ancora facendo tutti i controlli, siano stati costretti ad andarsene senza bottino.

     

    Sul posto anche è arrivato anche il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei, i carabinieri (che adesso avranno a disposizione anche i filmati delle videocamere di sorveglianza per le indagini), i vigili del fuoco.

     

    Per la banca molti danni materiali, ma anche la promessa di essere regolarmente aperti al pubblico fin da lunedì mattina.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...