spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 5 ottobre alla casa del popolo: mercatino, grandi comici sul palco, cena e prodotti tipici

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Un appuntamento davvero importante quello previsto per sabato 5 ottobre nel Teatro della casa del popolo di Tavarnuzze.

     

    Gran varietà "Alice nel paese di Tavarnuzze", presentato dalla casa del popolo di Tavarnuzze e dalla Fondazione Alice Una Casa per Stare (con il patrocinio del Comune di Impruneta).

     

    Una serata fra musica, sketch comici, letture e danza (e arte culinaria… con i prodotti del Casentino): organizzata e curata da Marco Consorti e Rossella Mugnai, presentata da Francesco Nidiaci di Radio Rosa.

     

    Sul palco un vero e proprio… "parterre de roi": Riccardo Azzurri, Stefano Fini, Bruno Santini, Sergio Forconi, Valerio Ranfagni, Giancarlo Palmas, Giovanni Lepri, Stefania Mangini, Rossella Mugnai, Marco Consorti, Fulvia Catelani, Lido La Torre, Claudio Coveri e la Scuola di Danza Arcoballando.

     

    Direttore artistico Marco Consorti, alle luci Maurizio Franchi, supporto fonico a cura dei Cornetti di Mezzanotte. Tutti (ovviamente artisti compresi) hanno offerto gratuitamente il proprio lavoro.

     

    Lo spettacolo inizia alle 18, e sarà preceduto, a partire dalle 15.30, dall'appertura del "Mercatino" con prodotti tipici e tanto altro. Alle 20.30 cena lotteria con prodotti tipici. Tutto compreso, il biglietto costa 27 euro: l'intero ricavato verrà devoluto alla Fondazione Alice (clicca qui per conoscerla meglio).

     

    Info: Marco 328 6123461 – Rossella 339 4060882 – Simonetta 3388706478.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...