mercoledì 5 Agosto 2020
Altre aree

    L’amore per la fotografia, il lavoro da pellettiere per studiarla: la storia di Tommaso

    Classe 1993, ci racconta come, lavorando duro e con grande impegno, sta dando corpo al suo sogno

    IMPRUNETA – “Quando il perché è forte, il come si trova sempre”.

    Possiamo riassumere così la vita professionale di Tommaso Matteini, giovane fotografo che nel l’8 giugno 2019 ha inaugurato il suo studio a Impruneta.

    Tommaso, classe 1993, fin da piccolo ha coltivato la passione della fotografia, facendosi regalare dai suoi genitori una piccola macchina fotografica.

    “Mi accorgevo che non era bravo e mi arrabbiavo, perché non riuscivo a scattare come volevo e come facevano altri – inizia a raccontarci – Poi ho iniziato a capire che con quella macchina non avrei ottenuto i risultati voluti”.

    Così Tommaso inizia a lavorare e acquista la sua prima macchina fotografica entry level, semi professionale.

    “Iniziai a notare – riprende – che la mia fotografia stava cambiando, non solo per la foto, ma perché io crescevo con la macchina”.

    Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione, Tommaso decide di andare a lavorare, “perché non sopportavo l’idea di essere a carico dei miei e avevo un sogno: prendere una mini laurea in fotografia. Iniziai così a lavorare come pellettiere per mettere da parte i soldi, e nel frattempo iniziai a frequentare l’APAB a Firenze, la scuola internazionale di fotografia”.

    “È stato un anno e mezzo durissimo – ricorda – dal lunedì al venerdì in fabbrica, e nel weekend frequentavo il corso di otto ore, sia sabato e domenica. Ma quello che pesava era, ovviamente, la settimana, non il corso nel week end”.

    Così Tommaso riesce a ottenere questa mini laurea e ha l’opportunità di formarsi facendo due stage in aziende molto importanti: lo Studio fotografico Righi a Prato e Gildardo Perez Gallo a Firenze.

    “Sono molto grato a entrambi per avermi insegnato tanto – tiene a dire – ma soprattutto di avermi rivelato i loro segreti: invece di tenermi all’oscuro come fanno in molti, loro mi hanno insegnato tutto”.

    Tommaso si è poi specializzato in ciò che ama di più, ovvero i matrimoni, il ritratto e la moda: “Quando incontro una coppia di futuri sposi dico sempre loro… pensate a come volete i vostri ricordi”.

    “Ormai – spiega ancora – tutti si possono improvvisare fotografi, purtroppo ancora non esiste un albo dei fotografi così come quello dei giornalisti, avvocati. Però ritengo che nella scelta di un fotografo, sia per il matrimonio sia per altro, al primo posto andrebbe la professionalità e serietà. Non c’è solo il prezzo”.

    Ed è proprio per questo motivo che Tommaso ha deciso di mettere a disposizione le sue conoscenze e competenze al servizio di chi, come lui, è appassionato di fotografia. A partire da marzo terrà un corso di fotografia, sia lezioni teoriche che pratiche.

    “Con il corso – conclude – vorrei insegnare questa, che è una vera e propria arte, a chiunque lo voglia. E trasmettere gli stessi segreti della fotografia che mi hanno trasmesso. I partecipanti possono anche frequentare il corso senza macchina fotografica: il mio obiettivo è che dopo aver partecipato, abbiano il desiderio… di acquistarne una”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino