spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Tre Stili”: la mostra fotografica alla sezione soci Coop di Impruneta

    In esposizione (fino al 3 dicembre) gli scatti di tre "maestri" della fotografia: Gianni Parenti, Carlo Iacovo e Adriano Mugnaini

    IMPRUNETA – Nella cornice della sala soci Coop di Impruneta, ha preso il via sabato 25 novembre la mostra fotografica “Tre Stili”.

    Con la partecipazione di tre “maestri” della fotografia: Gianni Parenti, Carlo Iacovo e Adriano Mugnaini.

    L’esposizione racconta il percorso unico di tre eccezionali artisti chiantigiani, le cui vite artistiche si sono intrecciate e sviluppate attraverso le condivisioni di esperienze all’interno del Gruppo Fotografico della Sambuca.

    Emergono chiaramente i tre stili distintivi: il ritrattista di Gianni Parenti, l’approccio paesaggistico di Carlo Iacovo e l’ispirazione all’arte di Edward Weston di Adriano Mugnaini.

    Durante la presentazione, la talentuosa modella Shue Sorrentino ha regalato al pubblico una performance live, in linea con la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

    “Ho sempre una grande ammirazione per i fotografi – dice il sindaco di Impruneta, Riccardo Lazzerini – vedo cose eccezionali realizzate con una semplice macchina fotografica”.

    “Faccio i miei complimenti a questi fotografi – conclude – e ringrazio Claudio Calosi per l’impegno costante nell’organizzazione di queste attività culturali”.

    L’affascinante esposizione sarà accessibile al pubblico fino a domenica 3 dicembre, offrendo un’opportunità straordinaria di immergersi nel mondo visivo di questi rinomati fotografi chiantigiani.

    Dal lunedì al venerdì 17-20; sabato e domenica 10-20.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...