spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Trentenne di Impruneta salva quattro persone dalle fiamme: la storia (incredibile) di Filippo

    Lavora in un ristorante in Alto Adige. Adesso, in zona rossa, fa le consegne a domicilio: mercoledì scorso ha visto uscire colonne di fumo enormi dal tetto di una casa...

    IMPRUNETA – Quella che vi stiamo per raccontare è una storia di coraggio e altruismo straordinario da parte di un imprunetino.

    Che si è buttato letteralmente nelle fiamme per salvare quattro persone da un incendio.

    Lui è Filippo Gabriele, trentenne, conosciuto da tutti ad Impruneta: sia perché figlio e nipote di noti medici di famiglia, sia per la sua partecipazione alla vita del paese, specialmente nel rione delle Sante Marie.

    Lo contattiamo per farci raccontare tutta la storia.

    Filippo attualmente lavora in un ristorante a San Candido, comune in provincia di Bolzano, in Alto Adige. Ma essendo zona rossa possono fare solo consegne a domicilio. Ed è proprio durante una di queste consegne che avviene il tutto.

    “Mercoledì stavo facendo le mie solite consegne quando ho notato colonne di fumo enormi provenienti dal tetto di un’abitazione” inizia a raccontare.

    “Mi sono subito fermato – prosegue – e scendendo dalla macchina ho sentito subito un odore di bruciato fortissimo. Era terribile.”

    “Appena ho individuato il tetto da cui proveniva il fumo ho avvertito subito i pompieri – prosegue – Dopo poco, le fiamme hanno iniziamo a divampare su tutto il tetto. Non potevo aspettare l’arrivo dei pompieri.”

    Filippo corre verso la porta della casa per avvertire chi vi abita di cosa stesse succedendo, ma non riceve nessuna risposta.

    “Ho fatto il giro della casa – ripercorre quergli attimi – bussando a tutte le finestre e urlando a squarciagola, ma non rispondeva nessuno. Nel frattempo cadevano parti del tetto, detriti, stava andando a pezzi la casa. Letteralmente”.

    “Alla fine – ci dice – ho trovato una finestra con una persiana leggermente abbassata. E ho cercato di fare di tutto per avvertire la famiglia, composta dai genitori e due bambini molto piccoli, uno di tre-quattro anni e l’altro di circa otto”.

    “Appena mi hanno aperto – torna a quei momenti – i genitori erano visivamente sotto shock, non riuscivano a muoversi, nemmeno a vestire i bambini”.

    Filippo non aspetta oltre, si precipita in casa, veste i bambini e li tira fuori da quell’inferno, uno in braccio e uno per mano, cercando di convincere i genitori a seguirlo fuori. Il tutto mentre l’incendio era arrivato al primo piano della casa

    Nel frattempo arrivano sul posto i pompieri, carabinieri e polizia e piano piano riescono a spengere le fiamme.

    Fortunatamente nessuno ha riportato ferite grazie alla prontezza e all’audacia di Filippo. Che, di solito il fuoco lo sputa: nelle sue stagioni a giro per il mondo infatti, è un artista sputafuoco.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...