spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Via del Ferrone: intervento di pulizia al fosso dell’Acque. Qui c’erano rifiuti abbandonati da anni

    Collaborazione fra Sezione Ferrone de La Racchetta, ufficio Ambiente del Comune di Impruneta, proprietari dell'area, Alia e i carabinieri forestali di San Casciano

    FERRONE (IMPRUNETA) – La mattina di sabato 17 dicembre, dopo verifiche e sopralluoghi preliminari e in accordo con la Sezione Ferrone de La Racchetta, l’ufficio Ambiente del Comune di Impruneta, i proprietari dell’area, Alia e i carabinieri forestali del comando stazione di San Casciano, si è svolta un’importante operazione di contrasto all’abbandono di rifiuti.

    In via del Ferrone, all’altezza del ponticello sulla SP 71, in zona Fosso dell’Acque, è stata effettuata la bonifica di una discarica abusiva.

    L’intervento ha riguardato la rimozione e la pulizia di tutto il balzo che dalla strada arriva fin sotto al fosso, dove negli anni era stato scaricato un po’ di tutto, poi coperto in buona parte dalla vegetazione.

    E ha visto l’intervento di nove volontari con quattro automezzi de La Racchetta, oltre a mezzi e personale di Alia.

    Il tutto sotto la supervisione del sindaco Alessio Calamandrei e dei tecnici del Comune di Impruneta, e con il controllo dei carabinieri forestali.

    La forte pendenza della scarpata, la presenza di rovi e di altra vegetazione, hanno reso particolarmente faticoso l’intervento, richiedendo la necessità di operare con corde ed imbracature.

    E utilizzando preventivamente attrezzature per rendere accessibili i rifiuti, abbandonati da diversi anni.

    Durante l’intervento sono stati ritrovati e rimossi gli oggetti più disparati: elettrodomestici di diverse dimensioni (tra cui un frigorifero), parti di ciclomotori, arredi, valigie e ogni genere di smaltimento abusivo inerente l’edilizia.

    Come materiali edili e sanitari, lamiere, pannelli di fibrocemento, guaina catramata. E ancora rifiuti indifferenziati, sfusi e in sacchetti, scarti vegetali in sacchi di plastica. 

    Tutto il materiale è stato inserito in sacconi bianchi e portato a filo strada grazie all’intervento dei volontari de La Racchetta, arrivata sul posto con i propri mezzi attrezzati con verricelli. 

    Alia ha poi provveduto alla rimozione e trasporto fino alla discarica, con due camion colmi del materiale riportato alla luce dopo essere rimasto sotterrato per decenni.

    Questa situazione, conosciuta da tempo, segnalata negli anni, sia a causa del luogo impervio, sia per il quantitativo del materiale, necessitava di un piano di intervento complesso e condiviso.

    “Ringrazio – dichiara il sindaco Calamandrei – tutti coloro che si sono adoperati per la riuscita di questo intervento; dagli uffici comunali nella figura di Walter Mugnai, ad Alia con Alessandro Agati, a La Racchetta nelle persone di Daniele Panzarella e Filippo Grifoni, oltre a tutti i volontari presenti che si sono prodigati nonostante le condizioni del terreno che, dopo una settimana di pioggia, non era certo dei migliori”.

    “Si auspica – conclude – che ora, riportato il bello, non si ripetano più situazioni di increscioso abbandono di rifiuti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...