giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Montebuoni: "Assediati in casa dai cinghiali. Situazione insostenibile"

    MONTEBUONI (TAVARNUZZE) – La voce arriva in questa caldissima mattina di venerdì 28 giugno direttamente dal campo sotto casa.

     

    Siamo sulla collina di Montebuoni, che domina Tavarnuzze: "Sono nel campo con in mano un petardo e un accendino, ormai viviamo così".

     

    A parlare è una residente in questa casa con, dietro, un campo di olivi: "Anche il nostro vicino di casa – ci dice la donna – che ha anche due nipoti piccoli, è già stato rincorso".

     

    Da chi? Dai cinghiali. Che ormai qui hanno davvero preso il sopravvento (li vedete nel video): "Di giorno – prosegue la donna – due scrofe con quattro cuccioli. La sera dalle 23 in poi si arriva a 15-20 cinghiali, in particolare perché c'è un susino".

     

    Ma i problemi e i pericoli non si limitano alla collina di Montebuoni: "Da quassù – ci spiega – scendono finendo nel parcheggio delle scuole medie, in via Barducci: lì chi va a prendere l'auto si trova faccia a… muso con i cinghiali".

     

    "Questa storia ormai va avanti da una ventina di giorni – dice ormai esasperata – Non ne possiamo più; ho scritto alla polizia metropolitana che però mi ha risposto di essere al lavoro sulla Fi-Pi-Li. Per affrontare questa situazione, da quello che abbiamo capito, servono dei permessi della Regione Toscana. Noi sinceramente abbiamo bisogno di aiuto: prima che accada qualcosa di grave" 

     

    "Anche il mio cane – conclude – dopo uno scontro con uno di questi cinghiali è zoppo da una zampa da una quindicina di giorni; venerdì scorso l'animale lo prese per la pancia e lo tirò su, fortunatamente senza danno. Il cane non ha paura, e io devo tenerlo sempre al guinzaglio e chiuso in casa".

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...