spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Voltiamo Pagina, il M5S mette alla porta Maurri e Rossi: “Hanno aderito a un’ammucchiata, un guazzabuglio”

    "Il M5S disapprova questa scelta personale di singoli individui. Che, con tale decisione, si mettono automaticamente fuori dal MoVimento stesso”

    IMPRUNETA – Era stata preannunciata pochi minuti dopo l’ufficialità della nascita del “listone” civico Voltiamo Pagina, che a Impruneta unisce destra, sinistra, centro e movimenti.

    Ed è diventata ufficiale con una nota diffusa da Andrea Quartini, deputato toscano e capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Commissione Affari Sociali alla Camera.

    Insieme a lui la coordinatrice regionale Irene Galletti e la consigliera regionale Silvia Noferi.

    Flavia Maurri, attuale consigliera comunale a Impruneta del M5S, e Leonardo Rossi (in passato in consiglio), sono fuori dal MoVimento.

    La loro decisione di aderire a Voltiamo Pagina li ha messi automaticamente “out”.

    “A Impruneta – dicono Quartini, Galletti e Noferi – l’opposizione in consiglio comunale ha deciso di unirsi in un’unica lista in vista delle prossime elezioni”.

    “Si tratterebbe – riprendono, inserendovi erroneamente anche il Terzo Polo, che in realtà sostiene Impruneta Futura e Matteo Aramini – di un guazzabuglio composto da esponenti di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Terzo Polo e liste di sinistra”.

    “La cosa grave – evidenziano – però, è che anche i rappresentanti locali del MoVimento 5 Stelle hanno aderito a questa ammucchiata”.

    “È bene sottolineare – concludono – che il M5S disapprova questa scelta personale di singoli individui, che, con tale decisione, si mettono automaticamente fuori dal MoVimento stesso”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...