spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Zoppini, le prime parole da candidato sindaco: “Voltiamo pagina, un desiderio prima che un progetto politico”

    "Un intendimento diffuso tra le persone, tra i tanti che aspirano finalmente ad una stagione nuova per il territorio di Impruneta"

    IMPRUNETA – Nel pomeriggio l’ufficializzazione. Poco dopo le 20 di oggi, sabato 25 marzo, ecco le prime parole di Matteo Zoppini, consigliere comunale di Fratelli d’Italia a Impruneta, come candidato sindaco della lista civica “Voltiamo pagina”.

    Una lista che va a riunire in vista delle elezioni amministrative del 14 e 15 maggio l’esperienza di tuttei i consiglieri comunali attualmente in consiglio.

    “Voltiamo pagina – inizia Zoppini – è un desiderio prima che un progetto politico. Un intendimento diffuso tra le persone, tra i tanti che aspirano finalmente ad una stagione nuova per il territorio di Impruneta. La nostra lista nasce dal lavoro degli ultimi cinque anni in consiglio comunale”.

    “Acquisita la consapevolezza di una visione unitaria sui temi che riguardano il nostro comune – riprende Zoppini – i consiglieri di opposizione hanno avviato sin dal 2018 un lavoro sinergico e costante per essere una più efficace forza costruttiva all’interno delle istituzioni”.

    “Dalla condivisione delle battaglie più importanti – prosegue – dall’adempimento coscienzioso del mandato ottenuto dagli elettori, è nata col tempo un’intesa più profonda, si è sviluppato un rapporto di fiducia e stima reciproche che ha costituito la solida base di una riflessione su quale domani avessimo in mente per Impruneta”.

    Matteo Zoppini si candida a sindaco di Impruneta: a sostenerlo una lista che unisce tutte le opposizioni

    “Questa idea politica – dice ancora Zoppini – nasce anche, per forza di cose, in seno alla situazione emergenziale in cui Impruneta si trova. Uno scenario che impone il coraggio di affrontare i problemi e di risolverli, all’interno di un paese dove mancano i servizi più essenziali: dalle scuole ai cimiteri, e quindi dall’inizio sino alla fine della vita, gli imprunetini non hanno certezze”.

    “In questi cinque anni – rilancia – nella maggioranza hanno sempre prevalso tendenze di chiusura, e le tante proposte che abbiamo presentato non sono mai state neppure prese in considerazione. Ci troviamo davanti ad una particolare, desolante realtà di malgoverno”.

    “Ci mettiamo in gioco singolarmente – puntualizza Zoppini – come cittadini, come individui che vivono e amano questo territorio. I partiti, i movimenti e le esperienze pregresse di ciascuno hanno fatto un passo indietro in favore di un vero progetto civico, di un’unità d’intenti dove non ci sono cappelli dall’alto, né tantomeno personalismi, giochetti di potere o dinamiche sottobanco”.

    “In maniera aperta e trasparente – rivendica Zoppini – la nostra è la proposta di chi non ha mai governato questo Comune, di chi non ha responsabilità nei fallimenti degli ultimi anni, e che di conseguenza chiede alla cittadinanza un’occasione per provare, finalmente, a uscire da questa palude. Per farlo, crediamo che si debba ripartire dalle cose semplici, da proposte concrete e realizzabili, da un linguaggio comprensibile a tutti e sincero”.

    “È necessario parlare del presente – incalza – piuttosto che di un futuro lontano e indefinito. Servono soluzioni efficaci ai problemi più urgenti che abbiamo di fronte, così come serve una conoscenza appassionata del piccolo ma bellissimo territorio in cui viviamo: è con questi obiettivi che presentiamo una lista nuova, unita nelle differenze e unita nell’impegno di portare ad Impruneta una speranza di buongoverno.

    “È questo – conclude Zoppini – il momento di voltare pagina: diamoci una possibilità!”.

    Già indicato anche il vicesindaco: Gabriele Franchi.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...