spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Greve in Chianti: ecco lo stato dell’arte (pessimo) della connettività nei nostri territori”

    "Purtroppo devo tornare a scrivere con profonda amarezza, in quanto appare evidente come le società di telecomunicazione hanno una totale mancanza di trasparenza, pianificazione e attenzione"

    Egregio Direttore,

    mi trovo nuovamente a scrivere alla sua redazione per illustrare lo stato dell’arte della connettività nei nostri territori.

    Purtroppo devo tornare a scrivere con profonda amarezza in quanto appare evidente come, nonostante debba riconoscere all’attuale amministrazione un interessamento non da poco, che le società di telecomunicazione hanno una totale mancanza di trasparenza, pianificazione e attenzione ai nostri territori.

    Ad oggi risulta evidente l’assenza di una pianificazione reale come si evince dai recenti cantieri FiberCop (Gruppo TIM).

    Nello specifico ad oggi risultano 3 cantieri nel nostro territorio di cui uno a Panzano in Chianti (terminato), uno a Greve in Chianti (in corso) e un’altro sempre a Greve (terminato).

    Ebbene tali cantieri sono condotti così magistralmente che ad oggi anche dove risultano formalmente terminati (dato verificabile sul sito https://www.fibercop.it/) nessuna utenza ad oggi mi risulta sia attivabile.

    Non solo la fibra più che essere collegata appare quasi un esercizio di stile in quanto ad esempio verso la fine di Via XX Luglio a Panzano in Chianti ci sono gomitoli di fibra a un palo, il cavo passato per 4 o 5 pali e poi un altro gomitolo di fibra letteralmente abbandonati ormai da 2 mesi. Tutto ciò mi preme sottolineare con il cantiere che risulta sempre sul loro sito, completato.

    Non solo questo ma appare anche evidente la mancanza di pianificazione per come vengono scelti gli interventi.

    Poco più di due vie a Panzano, poi due cantieri a Greve dopodiché non si sa… sembra quasi che sia la sorte a decidere mentre nel territorio è sempre più evidente il digital divide ad esempio tra frazioni: alcune zone hanno una discreta connessione e altre dove ancora si viaggia in ADSL sperando che funzioni.

    Stante il sito https://bandaultralarga.italia.it/ che ricordo per chi non lo sapesse è gestito dal Ministero per lo Sviluppo Economico, Greve in Chianti inteso come l’intero territorio comunale dovrebbe essere coperto da connessione fibra entro il 31/12/2022 ma mi chiedo all’attuale velocità come sperano di riuscire a coprire non dico tutto il comune ma anche solo UNA frazione.

    Mi duole costantemente dover tornare sull’argomento ma oggi come non mai vedo un territorio martoriato con una progettualità a macchia di leopardo senza che vi sia una vera volontà di fare bene, senza che vi sia un vero dialogo.

    Continuo a vedere famiglie con buone connessioni che hanno permesso anche durante i lockdown di poter lavorare, studiare e anche svagarsi e famiglie che sono tagliate fuori senza una connessione degna non dico del 2022 ma nemmeno del 2010.

    Non so se questa mia lettera possa attirare l’attenzione di qualcuno che possa realmente intervenire ma avendo da sempre a cuore l’argomento mi sono sentito di scrivere nuovamente per cercare di smuovere le acque perché il tempo vola e un paese anzi un comune che non sta al passo è destinato a perdere opportunità che oggi sono preziosissime.

    Cordiali saluti.

    Andrea Vegni

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...