spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Marcia della Pace e un Pd… schizofrenico

    Gentile redazione del Gazzettino del Chianti, sfrutto la possibilità che mi dà il vostro giornale per cercare di riflettere e magari far riflettere chi leggerà questa mia lettera su un vostro articolo uscito in questi giorni sulla presenza del comune di Greve alla Marcia per la PACE di Assisi.

     

    Spero di riuscire ad esprimere i concetti in maniera chiara visto che non mi capita spesso di scrivere lettere cosi.

     

    Alla marcia oltre a tantissime persone erano presenti molte istituzioni,tra cui appunto il comune di Greve in Chianti rappresentato dall'assessore Lotti come riportato nel vostro articolo (clicca qui per leggerlo).

     

    Inutile dire che queste sono manifestazioni molto importanti in cui è fondamentale la presenza della Politica, nel caso specifico sono state molto belle le parole usate dall'assessore Lotti a riguardo dell'evento in nome della pace universale specialmente "in questo periodo segnato da forti tensioni e conflitti a livello internazionale”.

     

    Mi sento però di fare una riflessione,siamo tutti concordi nel dire che ha fatto benissimo il Comune di Greve in Chianti a partecipare all'evento ma dovremmo ricordarci che il partito che amministra il nostro comune è lo stesso che quest'anno col governo Renzi ha già speso decine di miliardi di euro in armamenti fra i quali i famosi F35, gli stessi che durante la campagna furono oggetto di slogan molto impattanti….NO F35…..perché queste cose nessuno se le ricorda in Italia?

     

    Lo stesso governo che pochi giorni fa per voce del ministro Pinotti ha inviato altri 280 soldati in Iraq.

     

    Non scrivo queste cose per “offendere politicamente” l'amministrazione comunale o iniziare un qualche “scontro” su un tema così delicato, ma spero veramente di poter far riflettere su questioni molto importanti.

     

    Io sono sicuro che il Comune di Greve in Chianti abbia aderito all'iniziativa con entusiasmo e con le migliori intenzioni possibili ed è proprio per questo che sarebbe meraviglioso se proprio la giunta comunale magari unendosi con gli altri comuni del Pd presenti ad Assisi facessero sentire la propria voce verso i propri “piani alti”, perché altrimenti una cosi bella iniziativa rischia di cadere nell'assurdo.

     

    Vi prego, se veramente volete dire BASTA alla guerra cercate di fare “cambiare verso” al vostro partito.

     

    Mi rivolgo anche ai cittadini di qualunque schieramento politico, non vi fermate alle apparenze, andate a vedere cosa c'è dietro.

     

    Andate a vedere cosa vuol dire “missione di PACE”….in una “missione di PACE” la PACE è l'unica cosa che manca.

     

    É bellissimo andare alla marcia per la PACE, ma se poi il partito che rappresento o a cui ho dato il voto continua a violare l'art.11 della Costituzione Italiana in cui si afferma nettamente che “L'Italia ripudia la guerra”, allora dobbiamo fermarci un attimo e riflettere, probabilmente quel partito non mi rappresenta più.

     

    Probabilmente è più facile fare finta di nulla e chiudere gli occhi, ma se una cosa è più facile non significa che sia giusta.

     

    Vi ringrazio per aver letto questa mia riflessione e spero che nessuno si senta offeso, la mia intenzione era tutt'altra e spero si sia capito.

     

    di Riccardo Lupino, attivista MoVimento 5 Stelle

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...