martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Radda, il sindaco Pier Paolo Mugnaini: “All’Rsa Pietro Fedi sono 60 i positivi al Covid-19”

    Il primo cittadino raddese fa il punto della situazione: "Si tratta di 45 ospiti (13 quelli negativi) e 15 operatori (non tutti residenti nel nostro comune"

    RADDA IN CHIANTI – E’ il sindaco Pier Paolo Mugnaini, dopo tre giorni di contagi a raffica all’Rsa “Pietro Fedi” di Radda in Chianti, a fare il punto della situazione.

    “Dai dati forniti dalla Asl competente per territorio – dice Mugnaini – risultano essere presenti tra gli ospiti 45 casi positivi, di cui 4 a bassa carica virale, e 13 negativi”.

    “Tra gli operatori – prosegue Mugnaini – sono 15 i casi positivi, e uno in attesa dei risultati del tampone. Tra i positini, uno risulta a bassa carica virale”.

    “Non tutti gli operatori – precisa il primo cittadino raddese – sono residenti nel nostro comune”.

    “A tutti – tiene a dire – va il mio augurio di pronta guarigione. E alle famiglie tutta la mia vicinanza e solidarietà in questo momento difficile”.

    “Dal 18 novembre – aggiunge – il personale specializzato Asl appartenente all’unità operativa Usca sta supportando il personale interno della struttura nell’attività di monitoraggio degli ospiti e dipendenti”.

    “Oltre che nella creazione – dice ancora – delle aree di separazione/confinamento degli ospiti positivi al Covid-19 dagli altri ospiti risultati Negativi; tale supporto continuerà anche nelle settimane successive”.

    “Tutti gli ospiti – conclude Mugnaini – si trovano all’interno della struttura”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...