spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La voce si fa insistente: del resto il suo procuratore, Moreno Roggi, vive qui da anni

    SAN CASCIANO – Il suo procuratore, Moreno Roggi, è ormai sancascianese da anni: vive infatti in una splendida casa alle porte del paese. Ed è talmente ben integrato nella comunità che partecipa spesso ad eventi pubblici e benefici.

     

    E, forse, visto che a San Casciano pare che si trovi davvero molto bene, potrebbe aver consigliato al neo viola Massimo Ambrosini di cercare casa proprio in queste zone.

     

    E sembra proprio che l'ex capitano del Milan stia seguendo questo percorso: dopo aver firmato il contratto che lo legherà alla Fiorentina per un anno infatti, Ambrosini sta cercando casa per gustarsi appieno l'esperienza in viola.

     

    Una novità per lui, quella di dover trovare casa: la lunghissima militanza al Milan infatti non l'ha mai messo di fronte a questo tipo di esigenza.

     

    Ma adesso, dopo aver lasciato la sua "casa rossonera", c'è da trovarne una qua: e sembra proprio che Ambrosini possa essere interessato a una soluzione nella campagna sancascianese. Sono molte ormai le voci che darebbero per quasi fatta una soluzione in zona.

     

    Campagna che ha accolto da tempo un altro giocatore che ha militato a lungo nella seria A italiana: quel Francesco Tavano che oggi è tornato a giocare nel suo Empoli. E che ha scelto di vivere da anni in un bellissimo nucleo colonico ristrutturato nella campagna sancascianese.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...