spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anche Cerbaia ha il suo defibrillatore salvavita in piazza: il terzo inaugurato nel week end

    Dopo Bargino e capoluogo sabato, piazza del Monumento domenica mattina: fanno parte dei 14 previsti su tutto il territorio comunale

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – Un progetto di comunità per la comunità. Il terzo defibrillatore, nell’ambito della rete dei 14 apparecchi salvavita realizzata dal Comune, dalla Misericordia di San Casciano e dalla Festa del Volontariato sancascianese, è stato presentato ai cittadini domenica 3 aprile della frazione di Cerbaia.

    Ad inaugurare il dispositivo, installato in piazza del Monumento, sono stati i promotori dell’iniziativa.

    Il sindaco Roberto Ciappi e l’assessore alle politiche sociali Elisabetta Masti, il governatore della Misericordia Marco Poli, il presidente della Festa del Volontariato Sancascianese Daniele Cavari, insieme al presidente del consiglio comunale Francesco Volpe e alla consigliera comunale Ketty Niccolini.

    Dopo il taglio del nastro, avvenuto il giorno prima, per i defibrillatori posizionati nella frazione del Bargino, in via Martiri di Bologna, e nel capoluogo, nei giardini di piazza della Repubblica, anche la comunità di Cerbaia potrà sentirsi più sicura in caso di emergenza con il dispositivo di cui si è dotata la frazione.

    # San Casciano: inaugurati i primi defibrillatori del progetto “Cuori in Comune”

    L’apparecchio DAE è capace, infatti, nella maggior parte dei casi, se utilizzato nei primi minuti dall’arresto cardiaco improvviso, di salvare la persona colpita.

    Doppia soddisfazione per gli abitanti di Cerbaia, che si sono resi protagonisti attivi dell’operazione solidale mettendo in campo una raccolta fondi, finalizzata all’acquisto dell’apparecchio che ha coinvolto le associazioni, i commercianti e i cittadini della località.

    Alla cerimonia sono intervenuti anche don Luca Carnasciali, parroco di Cerbaia, per la benedizione del defibrillatore, il direttore del 118 Simone Magazzini del Dipartimento emergenza Usl Toscana Centro, l’assessore Moreno Cheli e il consigliere comunale Tiziano Borelli.

    “Il progetto, ideato e realizzato per la tutela della salute della comunità – tiene a sottolineare l’assessore alle politiche educative Elisabetta Masti – è un percorso di coinvolgimento, partecipazione e cittadinanza attiva che vuole mettere al centro i residenti nel ruolo di fruitori e destinatari, soccorritori e promotori”.

    “Ne hanno dato prova le comunità di Bargino e Cerbaia – dice orgogliosa – che, consapevoli dell’importanza dell’operazione, si sono adoperate concretamente organizzando e contribuendo alla raccolta fondi che ha permesso l’acquisto del defibrillatore, a tutti loro va il nostro più sentito ringraziamento”.

    “L’idea è nata da una mozione, presentata dal gruppo di maggioranza – spiega il presidente del consiglio comunale Francesco Volpe – con l’obiettivo di dotare il territorio di apparecchi, fondamentali nelle operazioni di primo soccorso in favore di persone che hanno arresti cardiocircolatori, che devono essere utilizzati da cittadini formati. Il mio invito è dunque quello di avvicinarsi senza timore ai corsi di preparazione per la fruizione corretta degli apparecchi che nel giro di pochi minuti possono salvare la vita di una persona”.

    “Un intervento di primo soccorso, tempestivo e adeguato, contribuisce in modo significativo ad aumentare la possibilità che la persona colpita da morte cardiaca improvvisa superi l’evento senza conseguenze – aggiunge la consigliera comunale Ketty Niccolini – Abbiamo pensato di intensificare in maniera consistente il numero degli apparecchi Dae installati in luoghi pubblici, molto frequentati e sempre accessibili, del nostro territorio perché crediamo e investiamo nel senso civico di ogni cittadina e cittadino che deve sentirsi parte di una rete di solidarietà  che si basa su  valori di reciprocità”.

    “Una comunità la nostra – conclude – che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno quando si è presentato il bisogno, e ha dovuto far fronte alle emergenze per supportare le fasce più deboli della popolazione”.

    I cittadini potranno usare l’apparecchio dopo aver seguito un corso di formazione BLS-D per l’uso del DAE organizzato dalla Misericordia. Info: 3450996708.

    Per potersi iscrivere è necessario inviare una e-mail a corsoblsdsancasciano@gmail.com fornendo un contatto telefonico, nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo e-mail.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...