spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Area Stianti, ascensori ancora inutilizzabili: “E noi costretti a salire, con le valigie, su scale sporche”

    La denuncia di Elisa, che stamani è stata anche in palazzo comunale: "Anziani in difficoltà, una mamma costretta a fare il giro con il passeggino. Trovino le soluzioni, è il loro lavoro"

    SAN CASCIANO – E’ andata anche in palazzo comunale questa mattina Elisa, che vive con il compagno in Borgo Sarchiani, centro storico di San Casciano. A protestare.

    Perché, arrivata con l’autobus all’autostazione nell’ex parcheggio Stianti, si è ritrovata (ancora una volta) con gli ascensori inutilizzabili. Costretta a salire, valigie alla mano, per le scale. E anche quelle non è che “brillino” per decoro (almeno fino ad oggi)… .

    E a niente valgono le promesse fatte nelle scorse settimane dall’amministrazione comunale sancascianese, l’idea di istituire una navetta provvisoria.

    Quelle relative agli ascensori: “Ripristino della funzionalità degli ascensori, sui quali sono in corso lavori urgenti di manutenzione, si presume entro il 10 settembre” diceva il Comune a inizio agosto.

    O quelle in merito alle pulizie straordinarie del parcheggio, che dovrebbero concludersi fra oggi e il 17 settembre nella loro seconda parte.

    La pazienza di Elisa, e con lei quella di tantissimi sancascianesi, dei residenti nell’area, è finita. Da tempo. 

    “Stamani – ci racconta – erano nuovamente fuori uso gli ascensori che dall’autostazione di San Casciano che portano in paese. Uno in realtà non è mai nemmeno entrato in funzione, l’altro non funzionava di nuovo”.

    “Tutte le persone che sono scese all’autostazione – prosegue – sono state quindi costrette a farsi tutti i piani a piedi (e non sono due!). Chi con le buste piene della spesa, chi con grosse difficoltà data l’età avanzata. Una mamma con il passeggino ha dovuto fare il giro lungo”.

    “Salendo le scale – prosegue Elisa, raccontandoci le stesse cose che ha espresso in palazzo comunale – lo spettacolo che si presenta è desolante: ragnatele, bottiglie rotte, sigarette, cartacce, i nastri bianchi e rossi messi dall’amministrazione a fine luglio davanti agli ascensori”.

    “Non serve una pulizia straordinaria – rimarca – messa in atto in questi giorni anche per placare gli animi di chi si è visto spaccare i vetri delle auto al parcheggio, ma un’organizzazione accurata che mantenga la pulizia e il decoro”.

    “È vero – conclude Elisa – che il luogo è preso d’assalto da ragazzi (e non) più simili a teppisti che a persone civili, ma sta all’amministrazione trovare soluzioni che tamponino questa emergenza. Trovino le soluzioni, è il loro lavoro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...