spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tante le risposte date dal maresciallo della Stazione dei carabinieri di San Casciano

    Sala del circolo ricreativo culturale di Chiesanuova gremita di abitanti, mercoledì 5 dicembre, per l’assemblea pubblica sul tema “Sicurezza del territorio”. E’ la seconda volta che il Comune è andato incontro alla popolazione per fare il punto della situazione sul fenomeno dei furti in appartamento.

     

    La prima volta è stata nel mese di giugno, con i residenti della zona Colle d’Agnola esasperati  dalle incursioni dei ladri; adesso è toccato alla frazione di Chiesanuova. Erano presenti gli assessori Donatella Viviani (bilancio e tributi), Renzo Masi (polizia municipale), il comandante della Stazione dei carabinieri di San Casciano, M.C.A. Marco Menichelli, ed Eugenio Francioni agente del corpo dipolizia municipale sancascianese.

     

    La parola è passata subito al comandante dei carabinieri, il quale ha tenuto a precisare un punto importante, ovvero la collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine. Che si concretizza nella segnalazione di movimenti sospetti di persone, annotando targhe di vetture sospette e non avendo timore a chiamare i carabinieri quando si ha l’impressione di situazioni anomale.

     

    "Uno dei servizi che eseguiamo – ha sottolineato Menichelli – si chiama appunto “servizio di prossimità” e serve ad avere un rapporto diretto tra carabinieri e cittadini. Quando vedete una macchina dei carabinieri, fermatevi a parlare con loro, segnalando ogni particolare che vi può sembrare sospetto, naturalmente poi nessuno saprà il vostro nome e non sarete chiamati a testimoniare, la vostra collaborazione serve per eseguire e approfondire le indagini, utili magari a scoprire gli autori dei furti".

     

    "Talvolta – ha evidenziato – sembra perfino strano che nessuno noti rumori, veda persone sconosciute vicine alle abitazioni. Una chiamata ai carabinieri può essere utile e il nostro tempestivo arrivo può far sì di riuscire ad arrestare gli eventuali autori dei furti. D’altronde, specie nelle frazioni, non è come vivere in città. Bene o male ci si conosce tutti, quindi è ancora più facile individuare persone sconosciute che si aggirano senza un motivo logico".

     

    La parola è poi passata ai partecipanti, cerchiamo di riassumere le domande dei cittadini e le accurate risposte del maresciallo Menichelli.

     

    Domanda: Come ci dobbiamo comportare se troviamo i ladri in casa?

    Maresciallo: "Cercare di mantenere il massimo della calma. Chi entra all’interno dell’appartamento mette in conto questi rischi e si lascia sempre una via di fuga, ad esempio una finestra o una portafinestra aperta lontano dalla porta principale, evitando così di incontrarsi con i proprietari".

     

    Domanda: I ladri sono entrati mentre ero in casa con le mie figlie, solo il pensiero che potessero farci del male mi fa ancora oggi soffrire.

    Maresciallo: "I furti si distinguono con pene diverse secondo il modo in cui sono commessi. Un furto senza nessuno in casa comporta una condanna minore da quello commesso con gli abitanti all’interno, che è più grave perché si configura come rapina. Quindi è difficile che avvenga".

     

    Domanda: Io ho fatto eseguire dei lavori in casa, ebbene dopo poco ho subito il furto, persino della cassaforte che era ben nascosta.

    Maresciallo: "Quando si commissionano i lavori, vanno fatti  fare da persone che ben conosciamo. Purtroppo talvolta ci affidiamo a personale straniero: questo non vuol dire che poi saranno loro a tornare per rubare. Purtroppo però accade che dietro di loro ci siano connazionali che si servono delle persone oneste che, sotto minaccia, sono costrette a dare i dettagli. Altro esempio: mai dire, anche a conoscenti stretti, dove avete la cassaforte".

     

    Domanda: Nel mio appartamento sono entrati nonostante abbia istallato porte blindate.

    Maresciallo: "Esistono bande specializzate di georgiani e, francamente, ancora non riusciamo a capire in quale modo riescono ad aprire le porte blindate".

     

    Domanda: Come possiamo difendere le nostre abitazioni?

    Maresciallo: "Il metodo più sicuro è inserire un allarme interno volumetrico, in quanto gli allarmi con sirena esterna sono facili da disattivare. Altrettanto utili sono le telecamere ad alta risoluzione che possono riprendere i ladri in azione".

     

    Domanda: Ho trovato dei segni strani sul  campanello, come due sassi messi in una posizione insolita e le lampade esterne allentate.

    Maresciallo: "Segnalateci anche queste anomalie, possono essere dei segni messi appositamente per poi compiere i furti".

     

    Domanda: Le “badanti” sono sicure?

    Maresciallo: "Devono essere messe in regola, noi abbiamo un carabiniere che svolge quasi esclusivamente il lavoro di controllo di queste persone che non devono essere tenute a “nero”. Così come va segnalato ogni volta che si affitta un appartamento dichiarando in quanti vi abitano: a volte appartamenti affittati a una sola persona sono abitati da una decina di individui. Altra cosa da fare, è fotografare gli oggetti di valore, così come segnare il codice del telefonino, sono quindici numeri. Con il codice siamo in grado di tracciare le chiamate".

     

    Domanda: Perché non installare telecamere in varie zone della frazione? Sarebbero utili per vedere i movimenti…

    Assessore Masi: "Questa sarebbe una cosa utile ma complessa da attuare, in quanto la gestione è laboriosa. Già abbiamo una serie di telecamere in funzione che hanno dato i loro frutti, ma questo nei posti sensibili del capoluogo. Cosa non facile da gestire per diversi motivi. Pensare di attivarle in tutte le frazioni direi che al momento non è pensabile. Abbiamo comunque la  nostra polizia municipale che lavora a stretto contatto con i carabinieri. La polizia è in servizio dalle otto del mattino alle 20".

     

    Una serata utile dunque, che ha trovato un ottimo consenso da parte di tutti i partecipanti. Ecco i numeri di emergenza in caso di bisogno: 112 Carabinieri, 113 Polizia, Stazione Carabinieri San Casciano 055820031, Polizia Municipale San Casciano 0558256405.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...