spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Contro Novara la sconfitta… della svolta. Adesso i playoff sono alla nostra portata”

    Domenica 3 febbraio è stata una delle migliori nella partita persa soltanto al tie break contro la capolista Novara, e martedì ha tagliato il traguardo dei suoi primi venticinque anni. Una settimana davvero speciale quella di Federica Mastrodicasa, centrale e capitano de Il Bisonte Azzurra San Casciano, che rilancia le ambizioni della squadra dopo la rimonta quasi completata nel match contro la Igor Gorgonzola, dove le azzurrine, pur perdendo, hanno sfoderato una delle prestazioni più belle della stagione.
     

    Un regalo… a metà?

    “Il mio compleanno è caduto proprio nel momento giusto, e mi sono fatta un bel regalo anticipato. E’ vero, abbiamo perso, però abbiamo raccolto un punto molto importante perché siamo arrivate al tie break con la prima in classifica, che secondo me è anche la squadra più forte del campionato. Questa partita ci ha dato la consapevolezza che possiamo giocarcela con tutti: arrivare al quinto set con Novara è un segnale, ce la siamo giocata fino alla fine nonostante loro non abbiano giocato male,e la Giogoli sta prendendo sempre più sicurezza. Insomma, penso che dopo il periodo un po’ buio che c’è stato, risaliremo sicuramente”.
     

    A livello personale pensi di aver giocato la tua miglior partita stagionale?

    “Sono molto contenta per la mia prestazione, perché dopo un periodo non eccezionale ho giocato bene e sono andata molto bene anche a muro: ne ho fatti otto e sono molto felice, perché io sono un centrale d’attacco, mentre a muro, anche per la mia altezza, sono un centrale normale, invece domenica sono andata bene anche in quel fondamentale. Sto ritrovando sicurezza, ma ammetto che mi aspettavo un po’ di più da me: l’anno scorso ho vinto il campionato, e vengo da diverse stagioni in cui mi sono sentita protagonista, invece quest’anno è stato un po’ travagliato. Forse l’infortunio al pollice e il fatto che abbiamo cambiato tante palleggiatrici mi hanno portato a non dare il massimo, però per fortuna c’è ancora tanto tempo: abbiamo tutto il girone di ritorno, e da domenica voglio ricominciare a dare tanto sia alla squadra che alla società, che se lo merita perché crede in noi e non ci mette pressioni”.
     

    Insomma, la gara contro Novara potrebbe essere il punto di svolta della stagione?

    “Sicuramente, sia per me che per la squadra. A inizio stagione il nostro obiettivo, essendo una neopromossa, era la salvezza, ma adesso credo che sia quello di raggiungere i play off, perché siamo a tre punti dal settimo posto. Rispetto agli altri anni il campionato è molto più equilibrato, a parte le prime tre squadre la classifica è cortissima, e quindi i play off sono alla nostra portata, soprattutto se continueremo a giocare come contro Novara: in questo mese non sono arrivati i risultati, ma il gioco c’è stato e quindi secondo me andrà sempre meglio”.

     

    Domenica c’è la trasferta a San Vito: che partita sarà?

    “Se vinciamo lì il discorso salvezza dovrebbe essere archiviato, ma non sarà semplice, perché San Vito, pur non essendo in alto in classifica, ha un pubblico caldissimo e un palazzetto difficile da espugnare perché c’è un tifo stratosferico, forse il più bello della serie A2. Noiperò andiamo in Puglia molto tranquille, con la consapevolezza che abbiamo strappato un punto a Novara, e siamo positive”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...