spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alle 18 al PalaMontopolo arriva la matricola Volksbank Sudtirol Bolzano

    SAN CASCIANO – “Salutate la capolista”, è stato il coro dei Pellicani Feroci dopo la splendida vittoria nel derby con lo Scandicci di domenica scorsa.

     

    Una goliardia che ci può e ci deve stare alla fine di una partita così sentita, ma che non deve assolutamente esaltare o distrarre le ragazze de Il Bisonte San Casciano, che domani sono chiamate a confermarsi in un appuntamento difficile, valido per la sesta giornata del campionato di serie A2.

     

    Alle 18, al PalaMontopolo, arriva la Volksbank Sudtirol Bolzano, matricola che ha già dimostrato di meritare la categoria e che vorrà provare a fermare la striscia di quattro vittorie consecutive delle azzurrine.

     

    Le altoatesine sono partite alla grande, con due vittorie consecutive, poi hanno rallentato, perdendo le tre successive partite, anche se nelle ultime due hanno impensierito due big come Pavia e l’altra capolista Monza.

     

    E comunque i numeri le rendono temibili: sette punti in classifica, che valgono l’ottavo posto, ma anche una pericolosità in battuta dimostrata dai 29 ace totali (primo posto insieme a Pavia), di cui 14 della bombardiera principe Valeria Papa.

     

    Per Il Bisonte servirà quindi la solita grande prestazione per mantenere la vetta della classifica e per proseguire nel momento d’oro: seppur con qualche acciacco, Francesca Vannini dovrebbe poter contare su tutto il gruppo, compresa Silvia Lotti che dovrebbe tornare a disposizione dopo due turni di stop per un infortunio al pollice sinistro.

     

    LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI

     

    “Bolzano è una squadra che gioca bene, e quindi non sarà una partita facile. I loro punti di forza sono la Papa e la Porzio, che conosciamo bene e a cui siamo ancora affezionati, e noi non dovremo pensare al primo posto, perché a una squadra come la nostra serve solo rimanere con i piedi per terra: per ora non abbiamo fatto nulla. Poi a me la classifica interessa il giusto, ma adesso chi gioca con noi, che siamo la capolista, ha meno pressioni e più stimoli, e questo rende tutto più difficile. Domani inizierà il nostro ciclo delle partite più difficili, anche se questo campionato è molto equilibrato: quello che conta è la continuità nelle prestazioni, il resto è relativo”.

    LE AVVERSARIE – La Volksbank Sudtirol Bolzano è stata ripescata in estate in A2, e ha confermato l’allenatore che l’anno scorso la portò fino alla finale dei play off di B1, Fabio Bonafede. Di quella squadra sono state confermate alcune giocatrici del possibile sestetto titolare, come la palleggiatrice Maria Luisa Cumino (classe 1992) e le schiacciatrici Valeria Papa (1989) e Kathrin Waldthaler (1990). Le nuove invece sono l’opposto, che stante l’indisponibilità dell’americana Shadare Mc Neal sarà l’ex azzurrina Noemi Porzio (1984, a Il Bisonte nel 2010/11), le due centrali Sara Menghi (1983), proveniente dal Montichiari (A2), e Francesca Gentili (1990), nell’ultima stagione a Urbino (A1), anche se quest’ultima è in ballottaggio con Sara Bertolini (1991, confermata) e Sara Ceron (1993, da Mazzano) e il libero Marta Medaglioni (1986), reduce da un anno di stop per completare gli studi ma con esperienze passate in A1 e A2.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...