spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo 15 anni all’opposizione il consigliere dell’Udc non si ricandida: “Una scelta personale”

    SAN CASCIANO – La dichiarazione arriva a sorpresa durante l'ultimo consiglio comunale: dopo 15 anni all'opposizione il consigliere comunale dell'Udc Jacopo Borri ha deciso di non ricandidarsi.

     

    Ma non solo, annuncia pubblicamente che il suo voto andrà al sindaco uscente, ri-candidato insieme alle liste Pd e Sinistra per San Casciano, Massimiliano Pescini.

     

    "Non mi ripresento – dice Borri – e non si ripresenta l'Udc. Non smetto perché sia scemata la passione, ma perché sono davvero troppi i problemi nel conciliare l'attività politica con il lavoro. Quindi lo faccio con grande amarezza: in questi anni ho cercato di fare politica nel modo migliore, con i sancascianesi al centro del mio agire".

     

    "Da questo punto di vista – e qui viene alla sorpresa – l'appoggio a Pescini nasce anche da un confronto di programmi. Il suo progetto per San Casciano è il più autorevole e costruttivo: del resto ha governato bene, negli ultimi anni ha tenuto la barra dritta su temi come la Laika o l'unione dei Comuni. Che mi hanno trovato in accordo".

     

    "Sono onorato del suo voto – dice Pescini – frutto di anni di confronto in consiglio comunale, di grande stima e rispeto reciproci".

     

    "Il mio – conclude Borri – è ovviamente un appoggio personale e non del partito. La nuova lista civica? Per quanto Francesco Volpe sia persona stimata, la lista civica non è in grado di candidarsi a governare il paese. Serve un'opzione politica più auterovole, strutturata e con un progetto di lungo respiro".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...