spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 29 Maggio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ecco gli artigiani che forgiano la chiave del paese, premio per il Carnevale

    La contrada vincitrice si aggiudica questa splendida chiave con il simbolo della "S". Che ha una storia affascinante

    SAN CASCIANO – Chi alzerà la Chiave del borgo di San Casciano per l’edizione del Carnevale Medievale 2018, che si svolgerà nel pomeriggio di oggi, domenica 25 marzo?

     

    Chi pensa che la Chiave che per anni ha chiuso e aperto l’ingresso del centro storico della Porta Fiorentina per chi arrivava da Firenze sia una leggenda… si sbaglia.

     

    Riccardo Franchi, grande appassionato di storia sancascianese, alcuni anni fa ci rivelò che la sua famiglia custodisce la chiave originale del paese.

     

    Non avemmo dubbi a credergli quando toccammo con mano quel pezzo di storia, un pezzo unico dal peso di circa due etti e mezzo, caratterizzato da ingranaggi strani, misteriosi, con una “S” che simboleggia San Casciano.

     

    Quindi quale premio più prestigioso poteva essere messo in palio per il Carnevale Medievale Sancascianese se non la Chiave d’accesso "a lo borgo"?

     

     

    Di sicuro l’originale rimarrà gelosamente conservato dai Franchi, però ecco l’idea di far “duplicare” quel cimelio a un fabbro artigiano della nostra epoca, all'azienda "Tani Franco e figli snc", che lavora nella zona artigianale del Bardella.

     

    "La riproduzione? E' stato un bell’impegno – ci dice Luigi, il figlio di Franco Tani – ne abbiamo fatte due, una un po’ più grande rispetto all’originale, e un’altra molto più grande, in quanto deve essere ben visibile al pubblico".

     

    Quanto tempo c’è voluto per rifarla? "Tre giorni, mi sono impegnato per tre sabati… in pratica nel tempo libero".

     

    E’ davvero particolare come chiave: "E’ la prima volta che ho visto una chiave triangolare – ammette – Le classiche chiavi di oggi hanno il tubicino tondo, mentre quella è un triangolo vuoto con la “S”. L’ingegno era però tutto nella serratura: all’interno c’era una spina triangolare con delle lamelline che entravano nella “S”. Una chiave complicata paragonabile a una chiave di sicurezza dei nostri tempi".

     

     

    Il mestiere del fabbro è un lavoro duro e d’ingegno, che Franco Tani (oggi pensionato) ha trasmesso ai figli Daniele e Luigi.

     

    Quest’ultimo ha coinvolto anche la figlia Miriam, di 25 anni, che oltre a occuparsi di pratiche d’ufficio, non si tira indietro quando in officina c’è bisogno di affiancare l’operaio Cristian Bencini, lo zio e il babbo, sporcandosi le mani di nero.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...