spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Comunità in festa per i primi cinquant’anni della chiesa di San Donato a Chiesanuova

    Alle celebrazioni dell'anniversario d'oro della chiesa della frazione sancascianese, ha preso parte il cardinale Giuseppe Betori

    CHIESANUOVA (SAN CASCIANO) – Comunità in festa per l’anniversario “d’oro” della parrocchia di San Donato a Chiesanuova, cuore vitale della frazione sancascianese.

    Una piccola chiesa piena di cultura e senso di appartenenza, fulcro sociale vissuto in cinquant’anni di storia.

    Mezzo secolo di iniziative religiose e civili, partecipazione popolare, tradizioni e usi locali.

    Il 4 gennaio 1974 nasceva infatti la sede parrocchiale della chiesa di San Donato a Chiesanuova.

    E alcuni giorni fa cittadini e istituzioni pubbliche si sono ritrovati per celebrarne la portata religiosa, storica e sociale.

    “Un omaggio alla memoria, ai cinquant’anni di vita della nostra casa di preghiera – ha dichiarato l’assessore Moreno Chelli, presente all’iniziativa con il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi – che ha sempre mantenuto vivo e dinamico il dialogo con tutta la comunità”.

    “Un ringraziamento particolare – tiene a dire – ai sacerdoti che si sono avvicendati, ai vescovi che hanno guidato la Diocesi, con particolare riferimento al cardinale Giuseppe Betori, che ha sostenuto spiritualmente e materialmente il luogo di fede. A tutti i parrocchiani, che nel tempo hanno lavorato per mantenere bella ed accogliente la piccola chiesa”.

    Sono diverse le opere attuate e avviate per il miglioramento e la manutenzione dell’edificio alla cui realizzazione hanno contribuito attivamente i residenti della frazione.

    Tra le altre spicca il restauro in corso di una delle opere d’arte conservate all’interno della chiesa.

    Chiesanuova: in restauro la pala d’altare della chiesa di San Donato

    Ripercorrendo alcuni dei momenti centrali dell’edificio, inserito nel tessuto sociale della frazione, torna alla mente il 1987, anno decisivo in cui la parrocchia scelse di assumere un ruolo attivo nel Circolo Ricreativo Culturale di Chiesanuova.

    E di partecipare all’annuale “Sagra di’ Pinolo” con uno stand dell’artigianato locale, che si è sempre contraddistinto per l’alta qualità dei manufatti di ricamo e cucito, eseguiti dalle signore del paese. Tutto il ricavato è stato devoluto ad ogni edizione alla parrocchia.

    Questa particolare “mostra-mercato” ha favorito l’integrazione della comunità, rafforzando l’identità associativa. 

    La chiesa di San Donato a Chiesanuova ha oggi l’aspetto di una cappella del XVIII secolo ma esisteva già dalla fine del 1200, come riportato da Giovanni Lami, studioso del 1700, sulla base di un atto stilato il 14 giugno 1291 e presente negli archivi del Vescovado fiorentino.

    Intitolata al vescovo martire di Arezzo (vissuto nel 300 d.C.), ebbe un’esistenza movimentata; fu parrocchia, semplice annesso di San Bartolomeo a Faltignano, cappella gentilizia, per poi ritornare parrocchia autonoma nel 1974.

    “Questi 50 anni sono passati velocemente e molti di noi hanno assaporato i vari cambiamenti, passaggi e innovazioni – dice ancora l’assessore Cheli – Siamo felici di ricordare l’anniversario dietro l’impulso di don Cristian Comini, che ha fortemente voluto celebrare questo momento”.

    “In una comunità – conclude Cheli –  cresciuta insieme alla sua chiesa, luogo di fede e memoria in cui ciascuno può ritrovare i propri intimi e personali ricordi”.

    All’iniziativa hanno preso parte (fra gli altri) il cardinale sua Eccellenza Giuseppe Betori, il consigliere regionale Massimiliano Pescini e il sindaco Ciappi, oltre alla presidente del Circolo Crc Chiesanuova Donatella Viviani.

    Istituzioni presenti alla celebrazione

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...