spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Consegnati a Sandra Milo e Gene Gnocchi gli ultimi piatti dipinti dal sancascianese Dante Fusi

    Sullo sfondo di piazza del Duomo, a Firenze, da Roberto Caneschi durante le riprese del suo film. Con il regista Alessandro Sarti e il presidente regionale Eugenio Giani

    SAN CASCIANO – E’ stato un momento emozionante. Con uno sfondo unico al mondo, ovvero il campanile del Duomo di Firenze.

    Lunedì scorso, 1 agosto, mentre a San Casciano si celebravano i funerali di Dante Fusi, scomparso improvvisamente a 74 anni, “paesano doc”, a Firenze due dei suoi ultimi lavori artistici giungevano ai destinatari designati.

    # San Casciano, in tantissimi per dare l’ultimo saluto a Dante Fusi: il ringraziamento dei suoi familiari

    Fusi, infatti, artista autodidatta, aveva dipinto dei piatti per regalarli a Gene Gnocchi e Sandra Milo, durante le riprese del film scritto da un altro sancascianese doc, Roberto Caneschi.

    E proprio con Caneschi aveva fissato che quel lunedì mattina sarebbe andato a consegnare i suoi lavori nelle mani di Gnocchi e della Milo, impegnati nelle riprese del film (“Che bella storia la vita”), a Firenze, con il regista Alessandro Sarti.

    Dante Fusi

    Il destino però, purtroppo, ha voluto diversamente. Ma Caneschi ha voluto portare a compimento il desiderio dell’amico.

    E così, lunedì mattina, è stato lui stesso ad effettuare la consegna.

    “È intervenuto sul set anche il governatore della Regione Toscana Eugenio Giani – dice Caneschi – E’ stata una giornata di riprese fantastica, e sono sicuro che Dante ci ha guardato da lassù”.

    “Con la sua ironia – prosegue – ha sicuramente fatto sì che tutto funzionasse bene, per una giornata durissima ma, alla fine, bellissima. Che dedico e dedichiamo a lui”.

    Film del quale proseguono le riprese, dopo settimane di lavorazione che hanno portato le macchine da presa in varie location di tutto il nostro territorio.

    E che, adesso, hanno anche la “benedizione” del presidente della Regione Toscana. Che ha già chiesto alla troupe una proiezione ufficiale anche a Firenze, in sede istituzionale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...