spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Da Casablanca alla cittadinanza italiana: San Casciano festeggia Ammar Harmouch

    Cerimonia nell'ufficio del sindaco. Felice e commossa la mamma Naima, che vive a San Casciano con i suoi due figli da circa venti anni

    SAN CASCIANO – Tè marocchino, mandorle tostate e pasticcini al miele hanno incorniciato la piccola cerimonia che è stata allestita ieri nell’ufficio del sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi per la consegna della cittadinanza italiana ad Ammar Harmouch.

    Il giovane diversamente abile, originario di Casablanca, che vive con la mamma e il fratello minore da oltre venti anni a San Casciano.

    Un momento solenne, arricchito dal tricolore sulle gambe del ventinovenne; ma anche un’occasione di festa “che ha reso omaggio – dicono dal palazzo comunale sancascianese – ancora una volta al valore sociale della cultura dell’accoglienza, molto radicata nel territorio chiantigiano”.

    Il percorso non facile del ragazzo, accompagnato costantemente dall’amore della tenace mamma e dei suoi familiari, testimonia un’importante storia di integrazione, inclusione e amicizia con la comunità sancascianese.

    “Ho sempre raccomandato ai miei figli un principio che vale in ogni parte del mondo – ha dichiarato felice la mamma, Naima – rendiamoci utili dove ci troviamo, da cittadini attivi e responsabili”.

    “L’Italia è il nostro Paese – ha proseguito – è qui che abbiamo scelto di vivere. Da nativi del Marocco abbiamo radici, culture, abitudini diverse, consideriamole forme di ricchezza per la comunità che ci accoglie, non un impedimento o un ostacolo di cui aver paura”.

    “E’ fondamentale aprirsi agli altri – ha detto ancora – alle tradizioni e alle peculiarità culturali del luogo in cui cresciamo, senza annullare le nostre, ma affiancandole pacificamente”.

    “E’ dovere di ogni cittadina e cittadino, qualunque sia la loro provenienza – ha aggiunto – offrire il proprio contributo per realizzare quell’importante rapporto di reciprocità solidale che ci rende tutti uguali, tutti parte della stessa comunità”.

    “Sono orgoglioso di conferire la cittadinanza italiana ad Ammar – ha fatto eco il sindaco Roberto Ciappi – il giovane e i suoi familiari sono cittadini sancascianesi, pienamente integrati nel nostro tessuto sociale”.

    “La firma degli atti – ha precisato – sancisce l’aspetto burocratico di un percorso che era già uno stato di fatto. Ammar, la mamma e il fratello sono nostri concittadini dal momento in cui li abbiamo accolti: auguro loro di vivere e risiedere a San Casciano in piena serenità e di avvalersi di tutte le opportunità che offre il nostro comune”.

    Alla cerimonia hanno preso parte anche la vicesindaca Elisabetta Masti e gli assessori Maura Masini e Moreno Cheli.

    Da nuovo cittadino italiano, Ammar dovrà fare la nuova carta d’identità, elettronica e valida per l’espatrio, potrà richiedere il passaporto alla Questura e riceverà a casa la tessera elettorale per poter votare.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...