spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Votazioni domenica 5 maggio. L’assemblea ha approvato il bilancio all’unanimità

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    L'assemblea dei soci di ChiantiBanca, riunitasi domenica 5 maggio nella sede di San Casciano e, collegata in streaming, in quella di Monteriggioni (vedi la carrellata di foto scattate da Antonio Taddei), ha approvato all'unanimità il bilancio di esercizio 2012, con un utile netto di oltre 10 milioni di euro, registrando una crescita del 67% rispetto al 2011 (clicca qui per tutti i dettagli).

     

    A brevissimo si riunirà il nuovo consiglio di amministrazione: domenica infatti, oltre all'assemblea, si è svolto anche il rinnovo del cda, del collegio sindacale e dei probiviri. Ecco i risultati per quanto riguarda gli eletti (fra parentesi il numero di preferenze) del consiglio di amminstrazione: Claudio Corsi (presidente, 1.533), Stefano Mecocci (1.495), Andrea Casini (1.390), Niccolò Calamai (1.387), Aldemaro Becattini (1.374), Mauro Fusi (1.285), Carla Lombardi (1.194), Luigi Ferri (1.128), Claudio Tongiani (1.107), Vasco Galgani (1.049), Leonardo Viciani (706). Non eletti: Vasco Bonci (502), Patrizio Pellegrini (88).

     

    Per quanto riguarda il collegio sindacale: presidente Enzo Barbucci (1.402), membri effettivi Fabrizio Fusi (1.414), Marco Galletti (1.102), membri supplenti Luca Targetti (986), Gerbina Pisani (874). Non eletti Francesca Gonfiantini (151), Leonardo Focardi (112), Mario Paoli (54), Leonardo Ciappei (38).

     

    Infine il collegio dei probiviri con membri effettivi Pompilio Massarelli (1.577) e Annalisa Nencini (1.509); membri supplenti Federico Silvani (1.265) e Strato Cangiano (1.252).

     

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua