spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Elisabetta Rogai protagonista in Calabria: domenica 3 luglio inaugurazione della mostra a Reggio

    E' una mostra itinerante: dagli spazi istituzionali del Comune di Reggio, a quelli del Comune di Palizzi, all’Accademia Art Gallery. Performance live con la sua EnoArte

    SAN CASCIANO – Domenica 3 luglio inaugurazione della grande mostra dell’artista fiorentina, ormai sancascianese “adottata”, Elisabetta Rogai.

    Si tratta di una mostra itinerante a Reggio Calabria, dagli spazi istituzionali del Comune di Reggio, a quelli del Comune di Palizzi. All’Accademia Art Gallery. Si protrarrà fino al 25 agosto.

    Curata da Elmar Elisabetta Marcianò, la mostra ha ottenuto il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, dell’assessorato alla cultura, e del Comune di Palizzi.

    In risalto le inconfondibili figure a lei care, simili ma sempre diverse. La mostra ospita una quarantina di dipinti, in prevalenza giovani donne, cavalli, ma con qualche sorprendente paesaggio che ricorda contesti calabri.

    Sono in gran parte dipinti con il vino di regioni diverse, oli, con l’”intrusione” di qualche dipinto con il vino e olio.

    L’esposizione presenta anche una serie di opere inedite dell’artista, dalle quali risulta la personalità di una artista curiosa e osservatrice, che sa prendere le distanze dalle mode, dalle passioni, ma anche dai mali della sua epoca, sempre radicata in un proprio tempo sospeso tra il presente e il futuro.  

    Opere che raccontano oltre 40 anni di attività artistica di Rogai con la sorprendente tecnica inventata nel 2011, l’EnoArte, ovvero l’arte di dipingere con il vino al posto del colore.

    Che l’artista mostrerà al pubblico nelle sue performance live sia a Reggio Calabria che nel Borgo di Palizzi, dove Rogai userà i vini delle cantine locali.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...