spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 4 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Fermiamo la strage sul lavoro”: oggi a San Casciano la prima di una serie di assemblee

    Organizzate sul territorio con gli Rls (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza) di Cgil-Cisl-Uil Firenze: i sindacati propongono alle istituzioni e agli enti di controllo "un manifesto di impegni"

    SAN CASCIANO – Oggi, venerdì 1 ottobre, si terrà a San Casciano (dalle 14.30 presso il circolo Arci in via dei Fossi 32) la prima di una serie di assemblee itineranti dei Rappresentanti dei Lavoratori della Sicurezza (Rls) nei territori della Città Metropolitana fiorentina, organizzate da Cgil-Cisl-Uil Firenze.

    “Assemblee – dicono gli organizzatori -nelle quali racconteremo le nostre esperienze e lanceremo proposte di azioni concrete nella scia della nostra piattaforma unitaria nazionale e a supporto del confronto aperto in questi giorni con il governo, che speriamo dia presto i suoi frutti”.

    “Partiamo dal Chianti – rilanciano – spesso simbolo dell’agricoltura in rappresentanza di un settore fra i più colpiti da infortuni gravi o mortali”.

    “A queste assemblee – proseguono – inviteremo di volta in volta gli interlocutori che sono centrali per concordare una strategia comune sul territorio in termini soprattutto di prevenzione”.

    All’iniziativa di oggi saranno presenti Michele Brignola di Inail, Renzo Berti di Usl Toscana Centro, Luigi Mauro di Pissl, le istituzioni rappresentate dal sindaco di San Casciano e di Bagno a Ripoli in qualità anche di Consigliere Delegato della Città Metropolitana.

    # Le morti e la sicurezza sul lavoro: se ne parla venerdì 1 ottobre al circolo Arci di San Casciano

    “Non solo crediamo nell’importanza di dare centralità e voce ai nostri Rls/Rlst – rilanciano – ma, a partire da questo primo incontro, chiederemo ai nostri interlocutori di aderire ad un manifesto di impegni comuni da costruire insieme e costituire un tavolo provinciale operativo con le parti sociali e le istituzioni che, partendo dall’analisi delle condizioni dei territori, definisca strategie e interventi mirati”.

    “Sarà anche l’occasione – concludono Cgil, Cisl e Uil – per rinnovare la nostra richiesta al Governo ed agli organismi regionali di mantenere fede alle promesse fatte pubblicamente, a partire dall’investimento di risorse nei sistemi di prevenzione e controllo che continuano a lavorare in palese condizioni di criticità”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...