spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Torna la grande rassegna di tutte le associazioni riunite al Parco del Poggione

    SAN CASCIANO – Volontari in festa al Parco del Poggione dal 4 all’8 settembre. Oltre alla musica, contemplata in tutte le sue espressioni, è il cuore grande dei sancascianesi il protagonista della settima edizione della Festa del Volontariato, promossa e organizzata da centinaia di volontari operativi in oltre venti associazioni attive nel territorio.

     

    Spettacoli, concerti, performance, videoproiezioni, aperitivi, cene ed eventi per i più piccoli: il nutrito programma di iniziative che dà corpo alla settimana della generosità sancascianese anche quest’anno si propone di mettere a segno un obiettivo di solidarietà.

     

    “A differenza degli anni passati – spiega Enzo Capretti, presidente dell’associazione Festa del Volontariato sancascianese – non andremo tanto lontano, il nostro intento è quello di raccogliere fondi da destinare alle scuole del territorio per l’acquisto di libri e il potenziamento delle biblioteche scolastiche, ci auguriamo che i sancascianesi partecipino numerosi alle iniziative della festa e sostengano attivamente questo progetto finalizzato ad offrire un contributo alla crescita e all’educazione dei più piccoli”.

     

    Quello di trasmettere il significato e il ruolo sociale del volontariato è un obiettivo condiviso da ChiantiBanca che da anni sostiene con convinzione la manifestazione.

     

    "Come ogni anno – dice Stefano Mecocci, presidente della Fondazione ChiantiBanca San Casciano  – le associazioni del volontariato sancascianese si mettono in vetrina al Parco del Poggione, lavorando tutte insieme e incontrando la cittadinanza. La Fondazione è orgogliosa di poterle affiancare in questi giorni di festa e di grande impegno".

     

    I volontari di San Casciano, centinaia di persone che da anni mettono a disposizione la propria infaticabile opera di assistenza e solidarietà a beneficio degli altri, si impegnano in vari tipi di volontariato: dal sociale al culturale, dall'ambientale al ricreativo.

     

    E' il sindaco Massimiliano Pescini a rilevarne l’importanza per la qualità della vita del territorio. “Disponibilità, spirito di sacrificio, dedizione a favore della comunità – nota il sindaco – sono le doti che li contraddistinguono. Un esempio per tutti senza il quale San Casciano avrebbe un volto diverso”.

     

    Serata di esordio il 4 con la cena dei volontari alle 20 e la presentazione del progetto “A tutte le età, un libro amico”. Segue alle 22 il concerto degli “Amici di Chianti” il cui repertorio spazia tra le melodie delle canzoni popolari fiorentine.

     

    Il 5 è di scena ancora la tradizione con gli “Antidotum Tarantulae” (ore 18.30) seguita alle ore 21,30 da un viaggio musicale attraverso la musica klezmer interpretata dai “Baro Drom Orkestar”. La festa ai apre ai ritmi samba capoeira il 6 (dalle 19) con l’iniziativa “Sanca de Janeiro”: piatti tipici, suoni e colori del Brasile.

     

    La giornata dedicata ai più piccoli è in programma il 7. I bambini saranno coinvolti in laboratori artigianali per la realizzazione delle Rificolone, merende a base di nutella, passeggiate a dorso di pony.

     

    La manifestazione si chiude domenica 8 con la celebrazione della Santa Messa e la presentazione e la benedizione del nuovo veicolo della Racchetta. La musica segna il termine della kermesse con il “Rock live show” a partire dalle 21.30. Sul palco del Poggione saliranno i Quarto Podere, gli Sbanebio, gli Zenergy,

     

    Per l’intera durata della manifestazione è aperto il ristorante pizzeria del Parco del Poggione. Info: www.festadelvolontariatosancascinese.it. I dettagli del programma disponibili anche su Facebook (clicca qui).
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...