spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 25 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / Carnevale Medievale Sancascianese, gli spettacoli: la contrada del Leone (prima)

    Il tema della rotazione triennale delle colture, che ha preso vita con i carri, i costumi, le coreografie, si è dimostrato vincente

    SAN CASCIANO – La contrada vincitrice del Carnevale Medievale Sancascianese 2023, quella del Leone, che ha trionfato con 80 punti finali, ha portato in piazza della Repubblica uno spettacolo basato su agricoltura e ambiente.

    Le invenzioni agricole del Medioevo, utilizzate fino ai tempi nostri.

    Il tema della rotazione triennale delle colture, che ha preso vita con i carri, i costumi, le coreografie: con i contradaioli impegnati ad interpretare il tema della sostenibilità ambientale.

    “Ci siamo ispirati al Medioevo – aveva detto alla vigilia del Carnevale il capo contrada, Alessio Batistini – per seminare buone pratiche ambientali che traggono spunto dalle tecniche agricole sperimentate a partire dalla fine dell’VIII secolo”.

    “Madame e Messeri della pregiatissima Giuria, quest’anno la Contrada del Leone rappresenterà una storia che parte dall’agonia che la fame genera e la gente invade e che non si può combattere con scudi e spade”.

    “Madame e Messeri della pregiatissima Giuria, quest’anno la Contrada del Leone rappresenterà una storia che parte dall’agonia che la fame genera e la gente invade e che non si può combattere con scudi e spade”.

    Il valore delle tradizioni contadine e delle abilità della cultura rurale è un aspetto centrale del patrimonio di saperi da non disperdere.

    Ed, evidentemente, ha fatto centro nel cuore della giuria… .

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...