spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / Carnevale Medievale Sancascianese: la festa nei volti dei contradaioli

    Un "mix" fra i tanti sorrisi di chi, fra Gallo e Giglio, Torre, Cavallo e Leone, domenica 26 marzo ha sfilato e ha portato in alto i suoi vessilli

    SAN CASCIANO – Cavalli e cavalieri, madame e messeri. Ieri, domenica 26 marzo, a San Casciano si è finalmente tornati a respirare l’aria del vero Carnevale Medievale.

    Quella che, per intendersi, mancava dal lontanissimo 2019.

    Ed ecco allora, oltre che le singole fotogallery degli spettacoli delle contrade (le trovate nei box sotto a questo articolo), ecco una carrellata unica di tanti volti, tante facce, dei contradaioli.

    Tutti uniti, a prescindere dai loro vessilli di rappresentanza, lungo questo “serpentone” fatto di costumi, di sorrisi, di voglia di esserci e tornare a partecipare. In un paese strapieno di persone.

    Gallo, Giglio, Torre, Cavallo, Leone: cinque contrade da ringraziare, una per una, per l’impegno e la passione, l’attaccamento e la generosità.

    Il Carnevale Medievale Sancascianese 2023 lo vince la contrada del Leone

    A sfilare, in piazza, centinaia e centinaia. Dai più grandi ai più piccini: tanti infatti, tantissimi, i bambini.

    Splendidi, a dir poco, i costumi. E poi anche moltissimi animali: cavalli, come detto, ma anche cani, tacchini, polli… .

    Nobili e prelati, suore e poveracci, preti, derelitti e figure mistiche: il Medioevo sancascianese si è tornato a respirare a pieni polmoni.

    E tutto, tutto, grazie alle persone. Che insieme si danno da fare per allestire questo meraviglioso spettacolo di comunità.

    Che, con le foto qui sotto, riusciamo a restituirvi solo in una infinita percentuale della sua meraviglia… .

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...