spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / Tutti con il naso all’insù: dopo due anni di stop sono tornati i “fochi” di San Cassiano

    Ieri, sabato 13 agosto, i sancascianesi si sono potuti godere il "loro" spettacolo pirotecnico di metà agosto: le immagini

    SAN CASCIANO – Finalmente! Dopo due anni di stop a causa della pandemia, sabato 13 agosto 2022 ha restituito alla comunià sancascianese anche i tradizionali “fochi”.

    Un evento al quale, vacanze fuori dal paese permettendo, partecipano sempre tanti sancascianesi.

    # San Cassiano: dalla cena del 12 (con temporale) alle celebrazioni di sabato 13. Una festa per tanti sancascianesi

    Del resto la data della festa di San Cassiano, il 13 agosto, si colloca proprio nella settimana di Ferragosto, quando in tantissimi sono fuori per le vacanze estive.

    Ma, come sempre, anche ieri i giardini di piazza della Repubblica e le “spallette” di viale Garibaldi, a partire dalla tarda serata, hanno iniziato a riempirsi di persone.

    Pronte ad accaparrarsi i posti migliori per godersi lo spettacolo pirotecnico che parte dalla valle che degrada verso la Pesa partendo dalla “punta” del Piazzone.

    Tantissimi anche coloro che si sono goduti i “fochi” dalle terrazze e dai giardini delle case sul lato destro di Borgo Sarchiani, via delle Casacce, via Borromeo.

    Spettacolo, ovviamente, svoltosi con tutti le operazioni di prevenzione del caso. E la presenza dei volontari del servizio anti incendio de La Racchetta pronti a ogni evenienza.

    Alle 23 il primo botto di richiamo. Poi, a seguire, lo spettacolo.

    E, sicuramente, quest’anno nessuno avrà potuto dire… erano meglio quelli dell’anno scorso.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...