spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Funerali Filippo Corsini: la famiglia non chiede fiori ma contributi all’A.B.C.

    Strettissimo il rapporto fra la famiglia e l'associazione. La commozione della presidente Maura Masini

    SAN CASCIANO – Oggi, mercoledì 9 novembre, è il giorno dell'ultimo saluto a Filippo Corsini: 21 anni, figlio di Duccio e Clotilde Corsini, morto drammaticamente il 31 ottobre scorso a Londra, dove stava studiando, travolto da un camion mentre percorreva una delle strade cittadine in bicicletta.

     

    I funerali si terranno infatti alle 11.30 nella chiesa di Santa Maria del Carmine, a Firenze. Al suo interno c'è una cappella dei Corsini dedicata a Sant'Andrea Corsini. Filippo verrà tumulato nel pomeriggio a Villa Corsini, a San Casciano.

     

    La famiglia intanto ha fatto sapere che, al posto dei fiori, sono gradite offerte all'associazione A.B.C., Bambini cri du chat, che da anni viene ospitata a Villa Le Corti per le sue iniziative. Alle quali anche lo stesso Filippo collaborava.

     

    Ed è la stessa presidente dell'A.B.C., Maura Masini, a esprimere la gratitudine e la commozione per questo gesto: "La grande famiglia Corsini – dice Maura – ha appoggiato la volontà della mamma e del babbo di Filippo, Clotilde e Duccio di non regalare fiori ma fare donazioni all'A.B.C.".

     

    Ricorda anche che "tra una settimana ci sarà il XIX raduno dell'A.B.C. ancora lì, proprio lì a Villa le Corti, dove la straziante perdita di un figlio sarà elaborata in qualcosa che deve ancora avvenire, qualcosa che è ancora da fare. Grazie Clotilde, Duccio, Elena, Selvaggia e tutta la famiglia Corsini".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...