spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giardini del Piazzone, presto tutti i pini verranno abbattuti

    In realtà dovevano essere già stati abbattuti: ma ritardi della ditta incaricata ancora non lo hanno permesso

    SAN CASCIANO – Il crollo di un pesante rame di pino di ieri sera, nei giardini di piazza della Repubblica (del Piazzone), a San Casciano, è l’ennesimo campanello di allarme sulla situazione arborea di questo spazio iper frequentato.

    Dopo il crollo del 2020 del “pinone” in quello che una volta era definito come lo spazio delle “tre panchine”, un’altra situazione potenzialmente pericolosa.

    Tanto che nel palazzo comunale sancascianese la decisione è stata presa da tempo: giù tutti i pini del Piazzone.

    Quelli sul lato dei giochi per bambini in realtà dovevano essere già stati abbattuti: ma ritardi della ditta incaricata ancora non lo hanno permesso.

    A breve, comunque, le motoseghe entreranno in azione: e i pini andranno giù, uno ad uno. Al loro posto verranno piantate essenze più consone per uno spazio pubblico.

    Certo, per tanti sancascianesi sarà difficile veder abbattere veri e propri simboli di decenni di vita in paese.

    Sotto ai quali si sono svolti giochi, incontri con gli amici, il mercato settimanale, le feste (quando si tenevano qui nel Piazzone).

    Ma la decisione è, secondo l’amministrazione comunale sancascianese, inevitabile: troppo alti i rischi e i disagi nel tenere questa tipologia di pianta, piantumata in epoche nelle quali poco si sapeva di quello che sarebbe stato il suo sviluppo.

    E le difficoltà e i rischi che avrebbe creato alle persone.

    Inoltre, per qualche anno chi frequenterà l’area del Piazzone dove ci sono i giochi per bambini, l’ombra sarà difficile da trovare. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...