spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giovedì 1 settembre nell’Arena dentro le mura a San Casciano, “L’uomo che piantava gli alberi”

    Rappresentazione del testo di Jean Giono per la regia di Gianni Mazzei. Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile...

    SAN CASCIANO – Si chiama “L’uomo che piantava gli alberi” lo spettacolo teatrale che verrà messo in scena giovedì 1 settembre, alle 21.30 nell’Arena dentro le mura, a San Casciano.

    Nell’ambito della programmazione di “Effetto Notte”, si potrà assistere alla rappresentazione di questo testo di Jean Giono, tratto dal libro edito da Salani Editore nel 2019.

    La regia è di Gianni Mazzei, la musica dal vivo di Paolo Paolini e Nicola Contadin, multivisione Giancarlo Bartolozzi, tecnico audio e luci Massimiliano Micheli.

    Sul palco saliranno Caterina Bussotti, Eleonora Fattorini, Silvia Frosali, Caterina Frosali, Gloria Mazzini, Silvana Nutini, Laura Zecchi.

    La presentazione del libro da parte di Salani

    Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane.

    Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest’uomo stava compiendo una grande azione, un’impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future.

    Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta “come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...