spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domani alle 17 l’inaugurazione della personale (in Regione) del grande artista chiantigiano

    SAN CASCIANO – Ci siamo: venerdì 8 novembre alle 17, in via Cavour 2 a Firenze, si taglia ufficialmente il nastro, in Palazzo Panciatichi, della personale in Regione Toscana allestita per celebrare i 50 anni di carriera artistica del Maestro Giuliano Ghelli.

     

    La mostra ("Giuliano Ghelli: 50 anni in viaggio fra pittura e scultura"), organizzata dal consiglio regionale della Toscana, comprende 50 dipinti e sculture, scelti tra quelli realizzati dall’autore in 50 anni di attività espositiva, a partire dalla sua prima mostra collettiva, nel 1963 alla Galleria Numero di Milano,  distribuiti in due sezioni.

     

    Dalle scalinate, a partire dall’ingresso, una serie di opere recenti, dipinti e sculture,  accompagnano il visitatore ai  piani superiori dove è allestita la mostra antologica con opere dal 1963 al 1992.

     

    Nel percorso è installato anche una parte dell’ “Esercito di Terracotta” 25 busti alti 70 centimetri,  diversi l’uno dall’altro, esposti per la prima volta nel 2008  a Palazzo Medici Riccardi a Firenze, in occasione delle manifestazioni del “Genio Fiorentino” e da allora itineranti in Italia e all’estero.

     

    In catalogo una introduzione di Nicola Danti, presidente della Commissione Cultura del Consiglio Regionale della Toscana, un testo della Sovrintendente  Cristina Acidini ed estratti critici da Lara Vinca Masini, Giancarlo Oli, Carlo Pedretti e Maurizio Vanni.

     

    Direzione artistica di Sandra Stanghellini per la Fondazione Giuliano Ghelli. La mostra (sarà visibile fino al 6 dicembre) ha il patrocinio della Provincia di Firenze del Comune di Firenze e del Comune di Poppi.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...