spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Guasti linea a Mercatale: “Il Comune si faccia promotore di azione per risarcimento danni”

    Lettera al sindaco di un libero professionista mercatalino: "Credo che tra i propri doveri istituzionali abbia anche quello di proteggere e tutelare le famiglie e le attività sul territorio"

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Sui ripetuti guasti alle connessioni telefonico-informatiche che in questi ultimi mesi stanno interessando Mercatale, riceviamo e pubblichiamo la lettera che un cittadino di Mercatale ha inviato al sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi.

    Gentilissimo sindaco Roberto Ciappi,

    innanzitutto mi presento, sono Alessio Innocenti, un libero professionista che vive e svolge la propria attività professionale nel Comune di San Casciano, più precisamente nella frazione di Mercatale.

    Tengo a precisare che le scrivo questa lettera, mettendo in copia anche gli organi di stampa locali, non per fare polemica sterile ma con uno spirito costruttivo.

    Come sa, da ieri mercoledi 24 novembre 2021 alle ore 16.35 circa la nostra frazione e alcune zone limitrofe si sono trovate nuovamente senza linea telefonica fissa, senza internet e con un servizio molto intermittente e instabile sulle linee cellulari.

    Si tratta dello stesso identico problema già avvenuto a fine ottobre scorso e ancor prima a maggio 2021; due eventi in meno di un mese e tre eventi in poco più di cinque mesi.

    Ogni volta l’interruzione del servizio si è procrastinata per alcuni giorni procurando danni concreti e disservizi alle famiglie, aziende, ai negozi, ai professionisti e ai servizi pubblici dell’area interessata.

    Da quello che leggo sul Gazzettino del Chianti questa mattina, anche stavolta, la causa sembra essere un guasto su un cavo fibra portante di competenza Infratel, esattamente come le volte scorse; sebbene non vi siano conferme ufficiali e pubbliche, né in questo caso, né in quelli precedenti, credo sia lecito ipotizzare che all’origine del guasto potrebbero esserci i cantieri in corso sul nostro territorio.

    Ma ovviamente prima di esprimersi in tal senso è giusto che vengano effettuati gli accertamenti necessari da chi è preposto a farlo.

    Ovviamente come spesso accade in questi casi, dopo vari giorni di disservizi, danni e lamentele, arriva la tanto agognata risoluzione del problema e sull’onda del ritrovato sorriso e ottimismo tutto viene archiviato senza che vi sia alcun riscontro informativo pubblico lasciando i danni in seno a chi li ha subiti e via avanti facendo finta di niente.

    Onestamente credo che questo atteggiamento non sia quello giusto.

    Nel 2021 il servizio telefonico e di connettività di rete è senza dubbio da considerarsi un servizio di primaria importanza economica e sociale, quando viene a mancare si creano danni concreti e sostanziali alle attività economiche e commerciali interessate.

    Altrettanto credo e voglio sperare che nel 2021 le imprese esecutrici siano tutte quante dotate di opportune assicurazioni a copertura di eventuali danni arrecati a terzi durante l’esecuzione dei lavori.

    Con queste premesse, riterrei quindi corretto e rispettoso che tutte le parti in gioco, coinvolte o interessate a vario titolo, si attivassero con atteggiamento pro-attivo e collaborativo con l’obiettivo di:

    • accertare ufficialmente la causa e i responsabili che stanno all’origine del guasto;

    • ridurre al minimo possibile il perdurare del disservizio;

    • aiutare e coordinare tutte quelle attività professionali, produttive e commerciali interessate dal disservizio a richiedere e ottenere un adeguato e opportuno risarcimento del danno subito durante questo evento e i precedenti.

    Chiedo quindi ufficialmente a lei signor sindaco e alla stampa locale di farsi promotori attivi verso gli Enti e le Autorità competenti per identificare i responsabili all’origine del guasto, nonché attivare rapidamente un servizio istituzionale di raccolta segnalazioni (certificare e documentate ovviamente) da parte delle attività professionali, produttive e commerciali interessate dal disservizio, con l’obiettivo di portare avanti una richiesta cumulativa di risarcimento danni promossa e avallata proprio dal Comune di San Casciano che, tra i propri doveri istituzionali, credo abbia anche quello di proteggere e tutelare le famiglie e le attività residenti sul territorio.

    In attesa di un gentile e cortese riscontro che vorrà dare alla presente, ringrazio in anticipo per quanto potrà essere fatto.

    Cordiali saluti.

    Alessio Innocenti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...