spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I carabinieri forestali di San Casciano scoprono un “furbetto” che aveva fatto lavori in casa e disperso rifiuti

    Analizzandoli sono riusciti a risalire a un uomo che aveva svolto lavori in casa senza però poter dimostrare il corretto smaltimento. Per lui 600 euro di multa

    SAN VINCENZO A TORRI – I militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Casciano, durante un servizio di controllo volto alla prevenzione e repressione dei reati contro l’ambiente, hanno rinvenuto in un’area boscata in località San Vincenzo a Torri, vicino a Cerbaia, nel comune di Scandicci, un abbandono di rifiuti di varia natura.

    I materiali, abbandonati in maniera caotica, erano composti in prevalenza da materiali derivanti da attività edilizia e da numerosi secchi di vernice vuoti o semivuoti.

    Nella stessa area i militari hanno rinvenuto diciannove sacchi di plastica di colore nero, chiusi con nastro adesivo.

    Hanno così proceduto ad ispezionare il cumulo di rifiuti, al fine di rilevare la presenza di documenti, etichette o altro che consentisse di identificare i responsabili dell’abbandono.

    Hanno ritrovato all’interno dei sacchi alcuni pezzi di forassiti, di tubo isolante, raccordi idraulici dismessi, vecchie prese della corrente e rifiuti indifferenziati di vario genere.

    In particolare, all’interno di uno dei sacchi ispezionati, i carabinieri forestali sancascianesi hanno trovato dei documenti contenenti informazioni utili per risalire al presunto responsabile dell’abbandono.

    La persona è stata immediatamente contattata per fornire spiegazioni in merito ai materiali ritrovati.

    Lo stesso ha ammesso di aver fatto lavori in economia nella sua abitazione, per la sostituzione della cucina e degli arredi, ma non ha fornito la documentazione che attestasse di aver smaltito regolarmente i rifiuti.

    I militari, ritenendo compatibili i rifiuti rinvenuti nei sacchi neri con quelli prodotti dai lavori svolti, hanno contestato all’autore dell’abbandono una sanzione amministrativa dell’importo di 600 euro, ai sensi del Testo unico ambientale.

    L’abbandono dei rifiuti è stato segnalato al sindaco del Comune di Scandicci che provvederà all’emissione dell’ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...