spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il bilancio dei progetti e degli interventi messi a segno della Consulta dei Giovani di San Casciano

    Dall'aiuto nel lockdown a favore delle persone fragili all'adesione alla rete nazionale Plastic Free, alla realizzazione di una App per il car pooling...

    SAN CASCIANO – Giovani per i giovani. Alla ricerca di nuove leve di costruzione e partecipazione alla vita di comunità, inclusiva e sensibile alla cultura del bene comune.

    Giovani che collaborano, fanno rete e si attivano consapevolmente nel creare un modello di cittadinanza attiva, aperta, flessibile e interculturale.

    L’impegno civico, gentile e responsabile, che aspira a cambiare e migliorare la qualità della vita nel territorio chiantigiano, partendo dall’analisi dei bisogni educativi, sociali, culturali delle nuove generazioni, è al centro degli obiettivi della Consulta dei Giovani di San Casciano.

    E’ quanto è emerso dall’iniziativa pubblica, organizzata qualche sera fa nella sala del Consiglio comunale di San Casciano, dal sindaco Roberto Ciappi e del consigliere comunale delegato alle politiche giovanili Duccio Becattini per presentare il bilancio dei progetti e degli interventi messi a segno della Consulta.

    Tante le attività e i percorsi ideati e realizzati nel corso degli ultimi anni che il gruppo di volontarie e volontari, guidato da Letizia Chiarini, attivo nei diversi settori da quello culturale a quello ambientale, dall’ambito artistico a quello educativo, ha realizzato e si prepara a lanciare con nuove idee nell’intento di coinvolgere un numero sempre maggiore di ragazze e ragazzi interessati a far parte del team.

    Dalle azioni che hanno riguardato il supporto ai servizi del Comune durante il periodo del lockdown a favore delle persone fragili all’adesione, tramite un protocollo sottoscritto dall’amministrazione comunale, alla rete nazionale Plastic Free.

    Dall’organizzazione di ecopasseggiate e giornate pulizia straordinaria dei boschi e delle campagne di San Casciano e dintorni, all’allestimento di proposte culturali che sono poi sbocciate in eventi musicali, artistici e poetici; che hanno valorizzato alcuni spazi pubblici tra cui il parcheggio dell’area Stianti.

    Tra le attività illustrate anche la creazione di una App per il Car Pooling, il nuovo progetto digitale, nato dall’inventiva della Consulta, che mira a favorire la mobilità sostenibile da San Casciano verso la città e i luoghi di interesse comune, rispettosa dell’ambiente e dei bisogni degli studenti e non solo.

    Si tratta di un’applicazione che consente la possibilità di condividere un’automobile utile per gli spostamenti nel territorio di cui necessitano le cittadine e i cittadini.

    Dopo aver verificato l’interesse della comunità attraverso un sondaggio online, finalizzato ad accogliere un feedback tangibile sulle potenzialità del servizio, i giovani della Consulta hanno programmato e realizzato questo nuovo strumento teso a condividere l’automobile e ad effettuare spostamenti quotidiani insieme ad altre persone che percorrono lo stesso tragitto.

    Il nuovo servizio digitale è stato realizzato con il supporto della Regione Toscana e Fondazione CR Firenze.

    “Riteniamo che le opportunità offerte dal carpooling in un’area di campagna come la nostra possano essere tante e di grande utilità – commenta Letizia Chiarini – non solo abbiamo la possibilità di stringere nuove amicizie ma possiamo dare un piccolo contributo al rispetto per l’ambiente e alla tutela del cambiamento climatico ottenendo anche un risparmio economico che alla nostra età fa sempre comodo”.

    La App, in fase di ultimazione, sarà disponibile tra qualche mese, e sarà gratuita in tutti gli store digitali (Apple e Android).

    All’iniziativa, condotta dal sindaco Ciappi e dal consigliere comunale Becattini, hanno preso parte tante ragazze e ragazzi che hanno mostrato interesse ad entrare attivamente nella Consulta.

    Studenti per lo più maggiorenni ma anche qualche adolescente, liceali e universitari, giovani lavoratori e lavoratrici che si ritroveranno il prossimo 19 dicembre per confermare la loro adesione e avanzare proposte, idee, progetti da realizzare insieme nell’interesse della collettività.

    “La Consulta è un importante organo consultivo e partecipativo che affianca e supporta l’amministrazione comunale nelle scelte che riguardano la vita pubblica – dichiara il sindaco Ciappi – è una realtà aperta, libera e autonoma che agisce su base volontaria e può far emergere idee, vocazioni, problematiche, esigenze contemporanee, per noi rappresenta uno strumento fondamentale, un termometro dei bisogni del mondo giovanile sulla base dei quali orientare servizi, risorse e interventi che diano risposte concrete alle loro istanze”.

    “Far parte della Consulta è una bella occasione per fare nuove amicizie, divertirsi in modo costruttivo, rileggere la realtà con gli occhi di chi vive, studia e lavora nel nostro territorio, offrire il proprio contributo per cambiare ciò che non va – conclude il consigliere Becattini – sentirsi libero e libera di esprimere voci, sogni e aspirazioni e attivare altri giovani nel mettere le loro lived experiences al servizio della collettività”.

    L’invito del Comune di San Casciano in Val di Pesa è rivolto a tutte le giovani e i giovani del territorio.

    Della Consulta, aperta a nuove adesioni, possono far parte giovani di età compresa tra i 16 e i 30 anni. Per informazioni: consultagiovanisancasciano@gmail.com

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...