giovedì 2 Luglio 2020
Altre aree

    Il ciclista morto ieri al Ferrone era un volontario della Misericordia: il cordoglio del Governatore

    "Era un fratello attivo dal 2015, quando, libero da impegni di lavoro aveva deciso di dedicarsi al prossimo servendo la collettività come fratello di Misericordia"

    SAN CASCIANO – Il ciclista morto ieri mattina al Ferrone, in seguito a un malore, era un volontario della Misericordia di San Casciano, Giuliano Pelacani, di 72 anni.

    La notizia è arrivata come un fulmine nella tarda mattinata di ieri alla Confraternita, lasciando addolorati e sbigottiti.

    # Dramma lungo la strada provinciale 3 del Ferrone (via Poneta): muore un ciclista di 72 anni

    E’ il Governatore Roberto Cacciatori ad esprimere il cordoglio collettivo: “I fratelli di Misericordia sono rimasti colpiti dall’improvvisa tragica notizia della morte di un caro confratello”.

    “Giuliano Pelacani – ricorda Cacciatori – era un fratello attivo dal 2015, quando, libero da impegni di lavoro aveva deciso di dedicarsi al prossimo servendo la collettività come fratello di Misericordia”.

    “In questi anni – evidenzia il Governatore – la sua presenza è stata costante, sono nati vincoli di amicizia e questa sua improvvisa morte è stata ancor più traumatica”.

    “Riposa in pace Giuliano – conclude – e Iddio renda merito a te per tutto quello che hai fatto per i fratelli”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...