spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il mare e i suoi segreti: il nuovo libro di Paolo Casini (dedicato alla madre Lidia)

    Si chiama “Percorsi nella Storia. Antiche infrastrutture portuali e viarie tra Toscana, Lazio e Romagna”. E l'ex vigile lo dedica alla madre, scomparsa nel novembre dello scorso anno

    SAN CASCIANO – E’ fresco di stampa il nuovo libro scritto dal sancascianese Paolo Casini, appassionato di cartografia antica e archeologia subacquea.

    Dal titolo “Percorsi nella Storia. Antiche infrastrutture portuali e viarie tra Toscana, Lazio e Romagna” (Betti Editrice).

    Paolo, da poco tempo ha lasciato la divisa della polizia municipale per la meritata pensione, adesso continua con molto più tempo a disposizione alla sua grande passione, le ricerche lungo le coste.

    “Dopo diversi libri, sempre inerenti alla passione del mare, quest’ultimo lavoro (come il precedente, “Itinerari e riflessioni”), presenta l’aspetto più di una rivista che di un libro. Vi sono raccolti cinque articoli di natura storico-geografico e archeologico-subacquea, che riflette la tematica del precedente”.

    Cinque articoli di approfondimento insomma.

    “Si parte con alcune riflessioni sulla via Aurelia riportate sulla Tabula Peutingeriana, gli antichi scali del marmo del campigliese, le anfore del mare di Populonia e dintorni, Leonardo e la pianura di Vada, per concludere con alcune note sui porti antichi e dell’Etruria”.

    Questo studio è stato portato avanti anche grazie a dei suoi collaboratori “storici” con cui ha realizzato altri libri?

    “Sì, sono le stesse persone dei precedenti itinerari studiati: Giovanni Chiostrini, Mauro Marranci e Renzo Maseroli“.

    Abbiamo notato che questo volume ha una dedica particolare…

    “Sì, ho voluto dedicarlo a mia madre Lidia, venuta a mancare un anno fa, per esattezza il 12 novembre 2020. Riuscimmo a farle una festa a sorpresa in occasione del suo compleanno, stampando un librettino con le foto più significative della sua vita passata insieme a mio padre, Natale, un fine artigiano di calzature da donna. Con lui lavorava anche mio zio Renzo, tra i loro clienti avevano anche una nota sovrana europea. Così ho deciso di dedicare a mia madre Lidia questo lavoro. Anche lei, come me, amava in modo particolare il mare…”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...