mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Il sindaco di San Casciano Ciappi: “Sconvolgenti le scene che abbiamo visto fuori da San Siro”

    Il primo cittadino sancascianese commenta quanto accaduto prima del derby Milan-Inter: "Davanti a chi si raduna fuori da uno stadio così mi sento in difficoltà a chiedere sacrifici a cittadini e attività"

    SAN CASCIANO – Il sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, è uno di quelli che lascia poco ai social network, al commento dei fatti nazionali.

    Gestione sempre molto istituzionale, concentrazione sulle tante difficoltà quotidiane degli amministratori locali. Contatto con le persone. Sobrietà insomma.

    Stavolta però, di fronte alle immagini dei tifosi di Milan e Inter fuori da San Siro domenica scorsa (ma lo stesso è accaduto ieri a Roma con quelli biancocelesti prima di Lazio-Bayern Monaco, ed era accaduto nei mesi scorsi in tante altre circostanze) ha preso “carta e penna” e ha scritto la sua opinione. Che è molto dura e tagliente.

    “Pochi giorni fa – inizia Ciappi – abbiamo assistito ad immagini sconvolgenti: centinaia di persone riunite fuori da San Siro, pronte a tifare per la loro squadra come in un qualunque giorno di partita, completamente indifferenti alle restrizioni in atto e alla protezione della loro stessa salute”.

    “Intanto – aggiunge – come istituzioni chiediamo ormai da un anno sacrifici a fasce intere della nostra popolazione, costretta a grandi limitazioni sia nella vita personale che in quella lavorativa. Con che coraggio osserviamo impassibili queste scene?”.

    “È una questione di rispetto – riprende – verso i ristoratori, verso i bar, verso quelle attività che con impegno e sacrificio si attengono alle regole e le fanno rispettare”.

    “Ma lo è anche – sottolinea – verso quei ragazzi, in particolar modo ai ragazzi e le ragazze adolescenti, che si sono visti portare via in un momento così cruciale per la loro crescita, un prezioso anno di vita”.

    “Quei ragazzi – riprende – ai quali negli ultimi anni abbiamo ripetuto come un mantra che lo smartphone non poteva sostituire in alcun modo le loro vere vite, ma che adesso si ritrovano a vivere solo attraverso uno schermo, che ha rimpiazzato in tutto e per tutto il loro modo di interagire con il mondo”.

    “Sono tra quelli che portano il peso più grosso di questa epidemia – sottolinea – senza ricevere in cambio la sufficiente considerazione. Forse perché non possono ancora esprimere la loro voce attraverso il voto”.

    “Ecco – confessa – davanti a persone tra i venticinque e i cinquant’anni che non sanno e non possono evitare di radunarsi fuori da uno stadio, mi sento in estrema difficoltà a chiedere sacrifici ai bambini, ragazzi e ragazze, e mi sento nello stesso modo di fronte e quelle attività, colonne portanti della nostra economia, che proprio in questi giorni stanno passando attraverso un’ulteriore chiusura”.

    “Possiamo fare meglio di così – esorta in conclusione – lo abbiamo già dimostrato. Non è il momento di mollare la presa, ancora ognuno di noi deve fare la sua parte”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...