spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il teatro lirico alza il sipario…a scuola. E lo spettacolo prende vita per gli studenti dell'”Ippolito Nievo”

    Un'occasione culturale di prestigio è stata offerta agli studenti in virtù del percorso di collaborazione tra Maggio Metropolitano, Comune di San Casciano e Istituto comprensivo "Il Principe"

    SAN CASCIANO – Un gioco scenico per scoprire il fascino della lirica e le composizioni, tra le più celebrate di tutti i tempi, di Giuseppe Verdi, una narrazione spettacolare per promuovere e valorizzare la cultura musicale di uno dei giganti della tradizione operistica del diciannovesimo secolo.

    “Verdi Game”, la macchina del tempo che suona e canta viaggiando a ritroso nella storia del belcanto, ha lasciato il segno nella giornata scolastica degli studenti di San Casciano. 

    Sguardi ed emozioni catturati nella palestra della scuola secondaria di primo grado “Ippolito Nievo” dove i giovanissimi spettatori ieri si sono lasciati travolgere dalle magiche atmosfere teatrali dello spettacolo “Verdi Game”, un affresco di parole, voci e suoni, infarcito di prosa e opera lirica, dedicato alla vita e alle opere del compositore di Busseto.

    Lo spettacolo ha preso vita, il sipario si è aperto e ha dato inizio al grande appuntamento con la scena.  Attori, cantanti, musica dal vivo, storie di vita e storie di opere. 

    Il progetto culturale “Verdi Game”, allestimento del Maggio Metropolitano, edizione 2022, prodotto dalla Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e finanziato dalla Città Metropolitana di Firenze, ha fatto tappa con le sue valigie piene di sorprese e meraviglie sceniche a San Casciano, nel solco di un percorso di collaborazione artistica e culturale intessuto da anni con il Comune.

    Giuseppe Verdi, in carne ed ossa, si è catapultato nella scuola chiantigiana per incontrare le ragazze e i ragazzi del Comprensivo “Il Principe”.

    E’ così che il pubblico, trasferito nella dimensione teatrale, ha potuto esplorare la vitalità appassionata e frenetica dell’artista.

    L’evento ha permesso di diffondere la musica verdiana, gli avvenimenti più significativi della vita dell’uomo e del compositore.

    Un ritratto originale e appassionato, ma anche sofferto, di un musicista che ci ha lasciato alcune delle più belle opere di tutti i tempi.

    Lo spettacolo di Venti Lucenti, curato alla regia da Manu Lalli, è condotto dal Maestro concertatore e dal direttore Pietro Mazzetti.

    Si sono esibiti gli attori Chiara Casalbuoni, Gabriele Zini e i cantanti Francesca Longari e Alfonso Zambuto, accompagnati dall’Orchestra Cupiditas. Le scene sono firmate da Roberta Lazzeri.

    “Un’altra straordinaria opportunità culturale – hanno dichiarato le assessore Maura Masini ed Elisabetta Masti – che ha diffuso a scuola e in un allestimento, realizzato ad hoc per gli allievi, il prestigio di alcune delle più note pagine musicali composte da Verdi”.

    “Lo spettacolo – dicono ancora – ricco e coinvolgente, ha permesso agli studenti di vivere un’esperienza di valore, proposta in una forma accattivante, ritmata e articolata su più registri che hanno intercalato dialoghi e brani interpretati e cantati”.

    “Ringraziamo la Città Metropolitana per questo progetto di educazione alla musica – conclude – che nel nostro territorio ha visto realizzare tante importanti occasioni musicali, rivolte ai più giovani, in collaborazione con l’Istituto comprensivo e il suo dirigente Marco Poli“.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...