spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coldiretti, inaugurata la nuova sede a San Casciano: il ricordo di Lorenzo Ermini

    Domenica fra trattori e celebrazioni. In memoria del giovane morto l'estate scorsa per un incidente in bicicletta

    SAN CASCIANO – Una domenica mattina diversa quella dell’1 dicembre a San Casciano: in piazza Cavour sono arrivati molti trattori, addobbati con le bandiere gialle della Coldiretti, che hanno preso posto nel parcheggio davanti alla chiesa.

    A scendere non sono stati operatori con la tuta da lavoro, ma persone “vestite a festa”, in occasione della 69° Giornata del Ringraziamento di Coldiretti e dell’inaugurazione della nuova sede dell’associazione in via Borromeo 48.

    Alla presenza di imprenditori agricoli chiantigiani, fiorentini e delle loro famiglie, alle 11 è stata concelebrata la Santa Messa in Propositura dal proposto don Massimiliano Gori e dal consigliere ecclesiastico di Coldiretti Toscana don Gabriele Gerini.

    Presenti Roberto Nocentini e Simone Ciampoli, presidente e direttore di Coldiretti Firenze e il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi.

    La Messa è iniziata ricordando la prima domenica dell’Avvento con il rito della luce, così don Massimiliano ha acceso la prima candela sotto l’attento sguardo dei bambini del catechismo; mentre al momento dell’offertorio, all’altare sono stati portati i prodotti della terra offerti da Coldiretti che andranno distribuiti al “Centro d’Ascolto” della Propositura.

    Un momento particolarmente toccante è stato quando Roberto Nocentini ha letto la preghiera dell’agricoltore “Benedici per intercessione di Sant’Isidoro agricoltore, i nostri campi e i nostri animali; tieni lontane le tempeste, la siccità, le malattie e tutte le avversità”.

    Subito dopo Simone Ciampoli ha ricordato: “Questa è una giornata senz’altro particolare per noi, che ci da la possibilità di ricordare il nostro Lorenzo Ermini (giovane impiegato che ha perso la vita in sella alla sua bici durante una passeggiata nel bosco degli Scopeti, n.d.r.), così come un abbraccio particolare va ai suoi familiari”.

    La segretaria della Coldiretti, Eleonora, ha poi letto una preghiera in memoria di Lorenzo: “O Signore, noi oggi ti preghiamo per Lorenzo, che hai voluto vicino a te troppo presto. Ti ringraziamo per avercelo fatto conoscere, per averci donato il suo sorriso, la gentilezza e la sua grande disponibilità. Ti ringraziamo per averci fatto apprezzare la sua grande professionalità. Ti preghiamo perché nel suo esempio noi possiamo continuare a fare il nostro lavoro con la stessa gioia e la sua stessa dedizione. Amen”.

    Un forte applauso, pieno di commozione, ha riempito le navate della Propositura. Alla fine della Santa Messa i chierichetti, insieme ai sacerdoti, si sono spostati in piazza Cavour, dove don Gabriele Gerini ha benedetto i mezzi agricoli.

    Dopodiché trattori e persone si sono spostati in via Borromeo, dove c’è stato il taglio del nastro dei nuovi uffici della sede Coldiretti e la benedizione di don Massimiliano Gori.

    Al termine, un gustoso “Agriaperitivo” con piatti della tradizione a cura dei produttori agricoli della rete Coldiretti-Campagna Amica ha concluso la 69esima Giornata del Ringraziamento.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...