lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    Incendio di baracche e sterpaglie a Sant’Andrea in Percussina: fiamme fermate a poca distanza dalla chiesa

    Intervento di 5 squadre de La Racchetta e dei vigili del fuoco: il fuoco sembra sia partito (nonostante il divieto in vigore) dopo che un uomo aveva dato fuoco ad alcune sterpaglie

    SANT’ANDREA IN PERCUSSINA (SAN CASCIANO) – Un incendio si è sviluppato a fine mattinata di oggi, venerdì 10 luglio, sotto la chiesa di Sant’Andrea in Percussina.

    Per l’esattezza in una strada senza sfondo con accesso da dietro il ristorante “Villa Machiavelli”, nel cuore della piccola frazione sancascianese.

    Sul posto si sono precipitate le squadre de La Racchetta (tre di San Casciano, due del Ferrone), raggiunte da una squadra dei vigili del fuoco dalla caserma fiorentina di via La Farina.

    Ancora infatti non c’è stato l’insediamento del distaccamento di San Casciano, nella zona artigianale del Bardella, che dovrebbe comunque avvenire a giorni, con copertura degli interventi nell’orario 8-20.

    Il fuoco, nonostante il divieto in vigore su tutto il territorio regionale, sembra sia partito dopo che un uomo aveva dato fuoco a delle sterpaglie nel campo.

    Fuoco che poi è “sfuggito di mano”, andando a incendiare due baracche in uso fino a poco tempo fa e poi lasciate abbandonate.

    Baracche contenenti masserizie di ogni tipo, che sono andate distrutte.

    Il pronto intervento dei volontari de La Racchetta è riuscito ad arginare le fiamme, fermandole a poca distanza dalla chiesa di Sant’Andrea, scongiurando il peggio, mentre i vigili del fuoco si sono concentrati a spengere le baracche.

    L’incendio ha interessato anche parte di un’oliveta. Sul posto anche i carabinieri forestali.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino