lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Incendio nel bosco vicino al lago di Chiesanuova: alimentato anche da tutti i rifiuti abbandonati

    Segnalazione di un giovane sancascianese, intervento risolutore delle squadre de La Racchetta (San Casciano, Ferrone e Marciola) e dei vigili del fuoco di San Casciano

    CHIESANUOVA (SAN CASCIANO-SCANDICCI) – Un incendio si è sviluppato nel pomeriggio di oggi, lunedì 3 agosto, lungo la Strada Provinciale 4 Volterrana, poco dopo il lago di Chiesanuova, nel comune di Scandicci (appena fuori da quello di San Casciano).

    Ad avvisare i vigili del fuoco è stato un giovane, Simone, residente a Pisignano, nel comune di San Casciano.

    “Stavo tornando a casa – ha raccontato – quando ho notato le fiamme sul lato del bosco. Era iniziato da poco a prendere fuoco, così ho provato con delle frasche a spengerlo, ma è stato tutto inutile”.

    Subito le fiamme hanno attaccato il sottobosco ma anche i pini fino a raggiungere una discreta altezza.

    Nel frattempo l’allarme è scattato anche nelle sedi de La Racchetta, tanto che sono intervenute le squadre di Marciola, San Casciano e Ferrone, mentre a poca distanza di tempo è arrivata una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di San Casciano.

    Ad alimentare le fiamme sono stati anche i materiali abbandonati nel bosco, gomme di auto, tubi di plastica, taniche imballaggi vari.

    Solo il tempestivo intervento ha così impedito che le fiamme si propagassero per un’area molto più estesa.

    Solo quando sono state spente le fiamme, abbiamo notato quanto materiale abbandonato nel tempo sia sparso nella scarpata: un’altra piaga difficile da sconfiggere.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino